Visitdolomites.com, il portale delle Dolomiti UNESCO per la scoperta dell’arcipelago fossile

0

Le maggiori testate televisive, radiofoniche e cartacee del panorama nazionale e di qualche testata internazionale erano presenti oggi, nella sede di Stampa Estera a Roma in via dell’Umiltà, alla presentazione del portale Visitdolomites.com, riferimento imprescindibile e più completo per la scoperta dei territori che condividono il Bene Dolomiti UNESCO.

C’era anche Kristian Ghedina campione di sci alpino, il discesista italiano che ha vinto più gare in coppa del mondo (13 podi di cui 12 in discesa libera e 1 in super G). a Roma alla sede di Stampa Estera per la presentazione di www.visitdolomites.com La Fondazione Dolomiti l’ha voluto come testimonial perchè nessuno, meglio di lui è dolomitico, nel cuore, nella mente, nell’anima. Kristian Ghedina, vive a Cortina d’Ampezzo, nel cuore del patrimonio dell’umanità e, da sempre, considera le Dolomiti come la sua fonte di vita ed energia “per me le Dolomiti sono la mia ricarica naturale, il paesaggio dolomitico mi dà energia e mi ricarica ora come allora quando facevo le competizioni in giro per il mondo”, ha infatti detto alla numerosa stampa presente in sala. Ghedina detiene, fra l’altro, il record di discese libere in Coppa del Mondo, 167 discese di Coppa in meno di 20 anni di agonismo ai livelli più alti.

La presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO Mariagrazia Santoro ha sottolineato nel suo intervento l’importanza del lavorare insieme che è – da quando è nata la Fondazione nel 2010, ma già dall’iter di candidatura delle Dolomiti – la modalità di lavoro dei 5 territori su cui si elevano i Monti Pallidi (Province autonome di Trento, e Bolzano, Provincia di Belluno, Province di Udine e Pordenone). Il direttore generale del dipartimento turismo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo (finanziatore del progetto Visitdolomites.com), Francesco Palumbo ha messo in evidenza l’importanza di questa modalità di lavoro e ha parlato di innovazione e di “progetto pilota”. 

Il portale web è frutto del Progetto di Eccellenza “Dolomiti Patrimonio Mondiale dell’Umanità”, coordinato dalla Regione del Veneto, per questo è intervenuto l’assessore regionale del Veneto Federico Caner. Un tavolo di lavoro che vede amministratori ed enti di promozione turistica lavorare insieme per la promozione congiunta delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Lo sviluppo di progettualità per la valorizzazione del territorio dolomitico è il primo degli obiettivi che il Progetto di Eccellenza si è posto fin dalla sua nascita, nel 2011.

Una sezione del portale è dedicata ai ‘dolomitici’ nel mondo, vale a dire tutti coloro che hanno origini in Dolomiti ma vivono da più di una generazioni in tante altre parti del mondo (dall’Australia agli Stati Uniti, dal Sud America al Giappone). Una parte del portale è dedicata a loro, ma anche a tutti gli italiani nel mondo (e sono tanti) riuniti in più di 800 associazioni. A Roma, oggi, le ha rappresentate il vicepresidente dell’UNAIE Oscar De Bona che è anche presidente dell’Associazione Bellunesi nel mondo. Un grosso lavoro di promozione delle Dolomiti UNESCO, presso i ‘dolomitici’ (del mondo), è svolto anche dall’Associazione Trentini nel mondo presieduta da Alberto Tafner.

Grazie a Visitdolomites.com  l’arcipelago fossile più bello e invidiato del mondo, si presenta nella sua veste più ricca e completa. Il portale web, disponibile in tre lingue (italiano, inglese e tedesco) è la bussola per orientarsi nella ricchissima offerta culturale, naturalistica, geologica, alpinistica – e tanto altro ancora – dei nove Sistemi dolomitici. Grazie al Ministero dei Beni, Attività Culturali e Turismo, la Fondazione Dolomiti UNESCO lo ha realizzato in collaborazione con gli enti di promozione turistica delle province e regioni su cui si eleva il Bene Naturale. Visitdolomites.com  è un mosaico di informazioni, che vede Veneto Promozione e Regione Veneto, Trentino Marketing e Provincia Autonoma di Trento,  IDM – Südtirol e Provincia Autonoma di Bolzano, Promoturismo FVG e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia lavorare insieme per uno stesso obiettivo: proporre, attraverso un unico portale web, tutte le migliori opportunità per la visita nelle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità. 

Comments

comments

CONDIVIDI