La campagna elettorale sarà in TV tranne per Alfano che andrà nelle piazze

La prossima campagna elettorale vedrà le piazze riservate esclusivamente ai comizi di Angelino Alfano. Dopo il disastro di Torino le istituzioni varie vogliono evitare assembramenti eccessivi in luoghi privi di adeguate possibilità di controllo e di facili vie di fuga. Considerando che la piazza di Torino dove si sono verificati gli incidenti dispone di 6 strade da cui scappare, è evidente che la maggior parte dei luoghi canonici dei comizi politici verrà cancellata dai tour elettorali.
Con l’eccezione, appunto, del mini partito di Alfano che, considerando il seguito di cui dispone, non creerà problemi di affollamento. Sarà sufficiente un marciapiede per accogliere i fans entusiasti di chi, come ministro dell’interno, ha favorito l’invasione. Che, evidentemente, ha cambiato la vita degli italiani e non in meglio. O forse in meglio ma solo per chi gestisce l’Italia. Per chi ha potuto cancellare i diritti dei lavoratori abbassando anche i salari. E per chi, ora, potrà gestire la campagna elettorale evitando scomodi confronti diretti con i sudditi. Basta con i comizi nelle piazze, basta con le manifestazioni popolari.
La campagna elettorale si farà solo in tv, sui giornali, per radio, sul web. Senza spiacevoli rischi di contestazioni, di proteste. Tutto cancellato in nome della sicurezza. Qualche comizio in teatri costosi ed iper controllati. Ma nulla di più. Non sono le bombe a far paura al potere, sono i sudditi che pretendono di tornare ad essere cittadini. E poi sarà mica colpa del potere se le opposizioni non sono state in grado di dotarsi di un adeguato sistema di comunicazione. Se i soldi dei partiti sono serviti per acquistare case e palazzi, invece di giornali e tv. Se sono tenuti fermi in fondazioni che foraggiano gli amici invece di finanziare strutture efficienti di contro informazione con radio e web. Ed ora chi ha bloccato questi fondi chiede agli elettori di impegnarsi per garantire la rielezione dei responsabili di questi comportamenti inaccettabili. Mentre il potere, quello vero, utilizzerà sempre di più la vigliaccheria ed il terrore per aumentare il controllo dei sudditi. Cancelliamo anche il voto, per evitare pericolosi assembramenti ai seggi.
Augusto Grandi