Il Trento a caccia del successo esterno sul campo del Ciserano

In palio ci saranno tre punti importantissimi in chiave salvezza diretta: il Trento fa rotta verso Ciserano (kick off domani alle ore 14.30 allo stadio “Carlo Rossoni“) e va a caccia della vittoria esterna che manca dalla quinta giornata del girone d’andata, quando i gialloblù s’imposero per 2 a 1 sul campo dello Scanzorosciate.
Nelle ultime cinque partite la formazione di Filippini ha conquistato la bellezza di 12 punti, mentre il Ciserano (che in classifica è a meno cinque da Furlan e compagni) ha vinto solamente una delle ultime 17 sfide disputate. In casa i bergamaschi hanno realizzato 9 dei 17 punti che vantano attualmente in classifica mentre il ruolino esterno dei gialloblù parla di 7 punti complessivamente conquistati grazie alle vittorie contro LumezzaneScanzorosciate e il pareggio di Crema contro la Pergolettese.
La sfida tra Ciserano e Trento sarà diretta dal Signor Davide Faraon della sezione di Conegliano, che sarà coadiuvato dagli assistenti Emanuele Spagnolo e Giorgio De Lorenzi, rispettivamente delle sezioni di Reggio Emilia e Parma.
In campo – Per l’impegno in terra bergamasca il tecnico Filippini ha convocato 20 elementi. Ancora ai box gli infortunati Badjan e Pangrazzi e lo squalificato Bardelloni. In settimana è atteso l’esito del ricorso con cui la società ha chiesto la riduzione da tre a due giornate della squalifica.
Gli avversari – L’Unione Sportiva Ciserano nasce nel 1951 come realtà oratoriale e, sino al 2004, la società bergamasca milita esclusivamente nei campionati di Prima e Seconda Categoria. Tredici anni fa l’imprenditore Olivo Foglieni, attuale presidente del club, rileva la proprietà e, nel giro di qualche anno, il sodalizio bergamasco sale dalla Seconda Categoria all’Eccellenza. Nel 2014 arriva la storica promozione in Serie D: la compagine lombarda conquista la vittoria nel massimo torneo regionale, abbinata alla Coppa Italia e alla Coppa Disciplina di categoria. Il resto è storia recentissima: il Ciserano affronta per la quarta stagione di fila il campionato di quarta serie. Dopo un eccellente quarto posto (2014-2015), la formazione affidata ora a Dossena ha centrato un ottavo (2015-2016) e un undicesimo posto (2016-2017), mantenendo sempre la categoria senza dover disputare gli spareggi.
Per l’appunto sulla panchina rossoblù siede da due mesi Alexandro Dossena, che a novembre ha preso il posto dell’esonerato Walter Viganò. Classe 1975, Dossena ha già allenato in categoria Valle d’Aosta, Bogliasco, OltrepòVoghera e Cavenago Fanfulla e, da luglio ad inizio novembre, ha svolto il ruolo di “vice” di Mark Iuliano all’FK Partizani Tirana (serie A albanese), sino al momento in cui l’ex difensore della Juventus ha rassegnato le proprie dimissioni.
L’elemento di spicco dell’organico bergamasco è senza dubbio il 39enne attaccante Matteo Serafini, prelevato a stagione iniziata dal Crema, dove era approdato in estate. Nel corso della sua lunghissima carriera Serafini ha vestito le maglie di Cremonese, Livorno, Arezzo, Siena, Catania, Empoli, Brescia, Vicenza, Pro Patria, Venezia e Triestina. 506 sono le partite disputate dall’attaccante lombardo tra Serie A (21 presenze complessive con Siena e Empoli), Serie B (di lui si ricorda una favolosa tripletta rifilata alla Juventus nella stagione 2006-2007), Serie C1Serie C2. A Busto Arsizio è considerato un “uomo simbolo”, avendo militato per bene sei stagioni nella Pro Patria e, due anni or sono, ha vinto il campionato di Serie D con il Venezia, realizzando la bellezza di 20 reti.
Gli altri giocatori di spessore dell’organico sono il difensore centrale Alessandro Cortinovis (10 campionati di Serie D e 6 tra C1 e C2 con Palazzolo, Lecco, Caravaggio, Renate, Seregno e Pro Sesto), il centrocampista Marco Biraghi, arrivato dal Crema nel corso del mercato di riparazioni (per lui tre stagioni in Serie C con la Giana Erminio per un totale di 79 presenze e 5 reti) e il difensore trentino Andrea Pinton, che ha militato nei settori giovanili di InterTorino e Vicenza e vanta anche un’esperienza tra i “pro” con il Savona. Il giocatore è in dubbio per un problema fisico a pari di Foglieni, mentre saranno sicuramente out Achenza (squalificato) e il lungodegente Ghisalberti.
La probabile formazione – (4-2-3-1): Tabokas (98) – Motta (00), Cortinovis, Suardi, Crociati – Marino / Scampini, Biraghi – Becchio, Cariello (98), Goury (98) – Serafini. A disposizione: Bolis, Foglieni, Maffioletti, Longo, Scampini, Sobacchi, Vago, Giovanditti, Ronchi.
Gli ex della partita – Nessun ex tra campo e panchina nelle due formazioni
I precedenti – L’unico precedente tra le due formazioni è quello relativo alla sfida d’andata.
Così all’andata – La sfida disputata domenica 17 settembre 2017 fece registrare il successo per 2 a 1 della formazione bergamasca, che s’impose grazie alle marcature di Comi e Ghisalberti. Di Lella, trasferito durante il mercato invernale al Caravaggio, la rete del Trento.
Trento – Ciserano 1-2
Trento (4-3-3): Cuoco; Toscani, Calcagnotto (17’st Casagrande), Diop, Badjan; Furlan, Bacher (13’st Bertaso), Boldini (1’st Zecchinato); Paoli (1’st Kyeremateng), Lella, Lillo (13’st Duravia). A disposizione: Grubizza, Rippa, Gattamelata Ferraglia. Allenatore: Roberto Vecchiato.
Ciserano (4-3-1-2): Bolis; Foglieni, Cortinovis, Crociati, Sobacchi; Marino (23’st Garofoli), Cannataro (40’st Giovanditti), Scampini (52’st Suardi); Cariello; Comi (7’st Serafini, Ghisalberti (43’st Ronchi). A disposizione: Scarcella, Siviero, Davenia, Tocchi. Allenatore: Claudo Spelta (Viganò squalificato).
Arbitro: Spataru di Siena (Lamannis e Lazzaroni di Udine).
Reti: 24’pt Comi (C), 27’pt Ghisalberti (C), 35’pt Lella (T).
Note: Campo in buone condizioni. Spettatori 350 circa. Ammoniti Furlan (T), Sobacchi (C), Cannataro (C), Crociati (C) per gioco falloso e Kyeremateng (T) per comportamento non regolamentare. Calci d’angolo 5 a 5. Recupero 2′ + 8′.
Come raggiungere Ciserano – Imboccare l’A22 in direzione Modena e prendere l’uscita “Affi – Lago di Garda Sud”, poi imboccare la SR450 in direzione Milano e successivamente la SR11, sempre in direzione Milano. Proseguire su SR249 e imboccare l’A4 sino all’uscita “Dalmine”. Continuare su viale Betelli (direzione Osio Sotto – Zingonia), poi prendere la seconda uscita (viale Giuseppe Mazzini) e poi girare a sinistra (via Vittorio Veneto) e imboccare la SS525. Attraversare Osio Sotto e proseguire su SP148, attraversare il paese di Verdellino e poi sarete arrivati a Ciserano. Lo stadio “Carlo Rossoni” è situato in via Cabina.
I convocati
Portieri: Festa (99); Matin (98).
Difensori: Carella (98); Casagrande (91); Cavagna (99); Giacomoni (87); Kostadinovic (92); Sorbo (91); Toscano (98).
Centrocampisti: Appiah (93); Bacher (88); Bertaso (98); Boldini (92); Bortoli (94); Dadson (90); Furlan (85); Paoli (97).
Attaccanti: Aperi (92); Ferraglia (99); Zecchinato (90).