A Milano deraglia treno di pendolari: 3 morti e 10 feriti gravi

L’incidente tra Pioltello e Segrate. Il convoglio Trenord partito da Cremona era diretto a Porta Garibaldi. A provocare il deragliamento del treno Cremona-Milano è stato il cedimento strutturale di una rotaia.

Un treno regionale Trenord è deragliato intorno alle 7 di questa mattina a Seggiano di Pioltello, nel Milanese, all’altezza di Seggiano di Pioltello.
Il bilancio, diffuso dal 118, è pesantissimo e potrebbe essere destinato a salire: tre morti e dieci feriti in gravi condizioni. Altre cento persone sono rimaste coinvolte in modo lieve e sono state ricoverate in codice verde. Il regionale 10452 era partito da Cremona ed era diretto a Milano Porta Garibaldi con centinaia di pendolari a bordo. 

A provocare il deragliamento del treno Cremona-Milano è stato il cedimento strutturale di una rotaia. Lo ha detto il direttore territoriale della Rete Ferroviaria italiana, Vincenzo Macello, sul luogo dell’incidente. I Vigili del fuoco hanno lavorato a lungo per tagliare le lamiere ed estrarre gli ultimi passeggeri incastrati. Operazioni rese però complicate dal luogo in cui si è verificato l’incidente: adiacente a una massicciata ferroviaria, che ha reso complicato il lavoro di infermieri e operatori delle forze dell’ordine.
POLEMICA SU TRENORD  
Intanto sul suo account Twitter Trenord annuncia l’interruzione della circolazione tra Treviglio e Milano, parlando di «inconveniente tecnico a un treno», scatenando l’indignazione di decine di utenti. Intanto fra Milano e Brescia il traffico ferroviario è sospeso sia sulla linea direttissima, sia sulla linea «lenta». Sono fermi anche i treni di Trenitalia.