Giovani padani bruciano fantoccio raffigurante Laura Boldrini

Laura Boldrini bruciata in un falò come fosse una strega. In realtà si è trattato di un fantoccio raffigurante la presidente della Camera Laura Boldrini, con tanto di fotografia corredata da slogan contro le politiche migratorie, è stato dato alle fiamme ieri sera dal `Movimento Giovani Padani´ della Lega, in piazza a Busto Arsizio (Varese). L’episodio è avvenuto durante la festa tradizionale in onore della `ioeubia´, ricorrenza popolare del Nord Italia, nella quale si brucia un fantoccio in segno di buon auspicio, e che nei secoli ha assunto le sembianze di una strega.
Matteo Salvini l’ha definita “una sciocchezza” e così gli ha risposto Boldrini: “È arrivato il momento che Salvini chieda scusa. Non a me, non ne sarebbe capace. Ma almeno ai cittadini di Busto Arsizio e a tutti gli italiani per la pessima figura che sta facendo fare al nostro Paese”.

“Gioeubia 2018! Vi aspettiamo questa sera dalle 19 per il falò e risottata in centro!”, avevano scritto i Giovani Padani sulla loro pagina Facebook, sulla cui bacheca hanno postato le immagini di quanto preparato in vista del falò: un fantoccio con la fotografia della Boldrini con una sciarpa rossa posto all’interno di quello che dovrebbe rappresentare un barcone, sormontato dalle scritte “Costa Discordia”, “Offerta irripetibile – Boldrinia viaggi: viaggio della risorsa all inclusive – 35 euro al giorno – solo andata destinazione Africa“. Il tutto posto sotto la fotografia del comandante Francesco Schettino che in un fumetto dice: “Tranquilla presidenta, guido io”.