Nel 2017 Trento supera Bolzano sul reddito pro capite

Nel 2017 l’indicatore è aumentato del 2,2% a Trento e dell’1,9% a Bolzano, riducendo sensibilmente il vantaggio della seconda, caratterizzata da un reddito disponibile pro capite pari a 24.828 euro, 2.815 in più di quello registrato a Trento.

Nel 2017 il PIL del Trentino Alto Adige ha mostrato un’attenuazione di un decimo di punto rispetto alla crescita sperimentata nel 2016, allineandosi alla media nazionale.
Più modesta di quest’ultima è stata, invece, l’evoluzione del reddito disponibile pro capite, che si è attestata sul 2,1% in regione e sul 2,4% in Italia. Tale dinamica deludente non ha però scalfito il primato del Trentino Alto Adige, che con 23.404 euro continua ad evidenziare un livello di reddito per abitante più elevato di quello delle altre regioni italiane.
Nel 2017 l’indicatore è aumentato del 2,2% a Trento e dell’1,9% a Bolzano, riducendo sensibilmente il vantaggio della seconda, caratterizzata da un reddito disponibile pro capite pari a 24.828 euro, 2.815 in più di quello registrato a Trento.
Sempre in termini di livelli di reddito pro capite Bolzano rimane tra le prime province italiane (solo a Milano e Bologna è più elevato), mentre Trento, con il 13esimo posto, occupa comunque una posizione favorevole in graduatoria. Oltre al reddito anche la spesa familiare per i beni durevoli nel 2017 ha mostrato una crescita meno intensa della media nazionale (1,7% rispetto al 2%).
Gli acquisti di auto nuove presentano un rimbalzo negativo del 2,3%, dopo la forte crescita dell’anno precedente, mentre l’usato continua a crescere seppure ad un ritmo inferiore dell’Italia (4,2% rispetto a 5,5%). Più dinamico è stato il settore dei motoveicoli che ha registrato un incremento del 24,4%, offrendo un sensibile contributo alla crescita della spesa complessiva, nonostante il peso ridotto sulla stessa.
Tra i beni per la casa hanno presentato un aumento i mobili (1,7%) e sono rimasti stabili gli elettrodomestici (0%), mentre un calo ha interessato l’elettronica di consumo (-3,7%) e l’information technology (-3,2%). Tra le due province la spesa per i beni durevoli nel complesso è aumentata maggiormente a Trento (2,9%) rispetto a Bolzano (0,4%). Nonostante l’andamento non particolarmente brillante della spesa, nel 2017 il Trentino Alto Adige si mantiene in testa alla graduatoria delle regioni italiane in termini di livelli per famiglia, arrivando a 2.921 euro (2.332 in Italia, 2.764 nel Nord-est).
Tra le due province l’indicatore è più elevato a Trento che con 2.964 euro per famiglia ha superato Bolzano per 88 euro.