Addio al Geoblocking, UE conferma procedura d'abolizione per gli acquisti on-line

Via libera del Consiglio d’Europa all’abolizione del geoblocking per gli acquisti online, considerata “una forma di discriminazione nei confronti degli utenti, ai quali viene limitato l’accesso all’acquisto via web di beni e servizi offerti in altri stati membri”.
Si tratta, secondo la UE, di una modalità che si contrappone al diritto comunitario in tema di libero mercato, e per questo motivo, da ora in avanti, tutti gli utenti potranno effettuare acquisti online in qualsiasi paese dell’Unione Europea, ad eccezione di quei settori coperti da particolari diritti come, ad esempio, eBook, trasmissioni TV, musica e giochi online.
Tra le novità, con l’entrata in vigore del provvedimento, il fatto che, ad esempio, siano applicabili in tutti gli stati membri le stesse condizioni per le prenotazioni alberghiere, mentre in precedenza era possibile che gli utenti “interni” avessero accesso a condizioni agevolate. Una decisione, quella del Consiglio d’Europa, accolta con favore in Alto Adige, dove l’assessora all’informatica Waltraud Deeg sottolinea che “la UE ha già abbattuto una serie di confini e barriere, ed è positivo che prosegua con questa strategia anche nel mercato digitale”.
Rimane ancora aperta, invece, la questione legata alle trasmissioni televisive, in maniera particolare per quanto riguarda i programmi sportivi “coperti” da diritti di diffusione a livello nazionale.
Un tema che sta a cuore anche al presidente Arno Kompatscher, il quale ha già sottoposto la questione alle autorità competenti di Bruxelles. “Se invece dei confini geografici – spiega il Landeshauptmann – venisse tenuta in considerazione la lingua parlata, sarebbe possibile per i sudtirolesi avere accesso senza limiti alle trasmissioni online di tutta l’area germanica”.
Il provvedimento entrerà in vigore dopo 9 mesi dalla pubblicazione nel Bollettino ufficiale dell’Unione Europea, e riguarderà altri ambiti del mercato digitale con ricadute positive per utenti e imprese altoatesine, come, ad esempio, i servizi di cloud, webhosting e data-warehousing.