Trento. Antagonisti distruggono le vetrate della sala dove si terrà l'incontro con Salvini

Trento. Stamattina le vetrate della sala della Cooperazione Trentina, dove stasera avrà luogo l’incontro con Salvini, sono state sfondate. “Azione di spessore e profondità rivoluzionaria”, probabilmente – come ha affermato Emilio Giuliana – attribuibile a gruppi di antagonisti.
L’incontro di stasera è per festeggiare un risultato storico, da molti definito con il termine “cappotto”. A Roma la delegazione, guidata dall’Onorevole Binelli, sarà composta da Giulia Zanotelli, Vanessa Cattoi, Stefania Segnana e Maurizio Fugatti.
Giovedì 15 marzo alle ore 18.00 presso l’Hosteria Toblino in località Sarche  vi sarà un’ulteriore occasione per festeggiare con un brindisi lo straordinario risultato di domenica 4 marzo. Salvini a Toblino non ci sarà, salvo eventuali sorprese.
Intanto continuano i contatti tra Salvini e Di Maio per le presidenze delle Camere. “Ho ricordato a Salvini – continua Di Maio – che il MoVimento 5 Stelle è la prima forza politica del Paese, con il 32% dei voti, pari a quasi 11 milioni di italiani che ci hanno dato fiducia, e che alla Camera abbiamo il 36% dei deputati”, ha affermato ieri sera Di Maio. Candidato alla Presidenza della Camera sembrerebbe il deputato trentino Riccardo Fraccaro.
Intanto il Centro Sociale Bruno per stasera ha indetto una manifestazione contro il leader della Lega. “Salvini è lo stesso personaggio che ha costruito la propria identità politica facendo leva su odio, xenofobia e securitarismo. Lo stesso che difende e legittima azioni terroristiche come quelle avvenute a Macerata. Colui che accende la miccia sociale attraverso lo scontro verso i poveri”, si legge nelle loro motivazioni.
Si ringrazia Gianni Festini Brosa per la foto