Di Maio, intercettato al Quirinale, chiede ora un passo indietro a Savona

E’ un momento cruciale per le sorti politiche del Paese. Il colpo di scena, secondo quanto confermato in una nota da Laura Castelli, sarebbe la richiesta di Di Maio al passo indietro di Savona.
Una richiesta avanzata a nome del m5s, affinché questa possa portare a far ripartire il governo Conte. Bloccato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, proprio sul nome di Savona al Mef.
Un vero e proprio colpo di scena dunque, che Di Maio identifica con queste parole: “sono ore cruciali e c’è una situazione di instabilità che rischia di essere pagata dai cittadini e dal Paese. Stupisce che Paolo Savana, persona di grande spessore culturale e sensibilità politica, non abbia ancora maturato la decisione di fare un passo indietro“.
A questo punto, al netto di quanto emerso in questi minuti, c’è già chi si domanda se non sia opportuno conferire l’incarico di ministro dell’economia a qualcuno di Fratelli d’Italia, che in queste ore ha fornito un sostegno importante alla risoluzione della trattativa di crisi, con il suo appoggio alla maggioranza di governo. Quest’ultimo riconosciuto anche poche ore fa dallo stesso Matteo Salvini, che ha aperto le porte ad un ingresso, nelle trattative di governo, di Giorgia Meloni.