Sei populista? Non puoi mangiare qui

L’addetta stampa della Casa Bianca è stata cacciata da un ristorante perché collaboratrice del presidente populista Donald Trump. Questo è il fatto incredibile avvenuto in Virginia nei giorni scorsi.
Sarah Sanders, repubblicana doc e tanto stimata nel paese da essere nominata nel 2010 tra i “40 Under 40”, ovvero i più promettenti politici con meno di quarant’anni, è stata nominata Portavoce della Casa Bianca il 26 Luglio 2017, in sostituzione di Sean Spicer.
La nomina va considerata come un premio per la lunga attività di campagna elettorale operata dalla Sanders, figlia di Mike Huckabee, ex-governatore dell’Arkansas prima sfidante e poi ardente sostenitore di Donald Trump alle primarie repubblicane del 2016.
Rimane dunque inspiegabile il perché il ristorante The Red Hen abbia deciso sostanzialmente di cacciare dal locale la Sanders, rifiutandosi di servirla perché “collaboratrice di Trump”.
Ammessa e non concessa la libertà imprenditoriale di non servire chiunque si voglia, è facile immaginare a parti invertite cosa sarebbe potuto accadere: si sarebbe parlato di razzismo, di odio, di nazismo. Se ad essere cacciata è invece una “populista” allora tutto normale, anzi, bravi voi del ristorante!
Nelle recensioni il locale, che prima veleggiava intorno alle 5 stelle, è precipitato a solamente due, ma i commenti sono quasi tutti di incoraggiamento. “Complimenti per aver difeso la propria morale“, “Il mio più grande sostegno alla proprietaria che si è ribellata di fronte alla retorica di odiobugie propagate quotidianamente dagli impostori oggi al potere“. Commenti aberranti, ma siccome sono dei Democrats allora tutto è ok.
Quanto accaduto è semplicemente inaccettabile e vergognoso. La Sanders non avrà fatto fatica a trovare un altro ristorante dove mangiare, lasciando nel loro brodo di esaltazione i proprietari del Red Hen e la portavoce è stata fin troppo signorile a non portare troppo alla luce quanto accaduto. Bisognerebbe chiedere alla proprietà del ristorante se lo stesso trattamento va riservato anche agli elettori di Trump: chissà che non sia così democratica da tenere fuori anche loro.