Cina: scandalo del vaccino contro la rabbia a causa di documenti falsi

I leader cinesi si stanno sforzando di rafforzare la fiducia e la supervisione dell’industria farmaceutica dopo che un produttore di un vaccino contro la rabbia avrebbe prodotto documenti falsi, l’ultimo di una serie di scandali sulla salute e sicurezza che hanno indignato i genitori cinesi.
Il premier Li Keqiang ha dichiarato in una dichiarazione domenica che il caso della Changchun Changsheng Life Sciences Ltd., questo il nome dell’azienda “ha violato una linea di fondo morale” ed ha promesso un’indagine immediata sulla società.
Le osservazioni del capo del governo erano mirate ad assecondare i genitori cinesi che si lamentano abitualmente di preoccuparsi di cibo, latte e medicine falsi di alcune società che sembrano mancare di una “linea di fondo morale” – come ha sottolineato il premier – e anche di regolatori competenti e non corretti.
I vaccini difettosi sono come l’abuso e la tratta di minori, toccano la parte più sensibile e vulnerabile del cuore del pubblico“, ha scritto Xi Po, editorialista di The Paper, un popolare servizio di informazione online sostenuto dal governo di Shanghai. “Ma a differenza dei casi di pedofilia, gli scandali sui vaccini coinvolgono strati e strati di regolatori e gruppi di interesse corrotti“.
Non ci sono state segnalazioni di infortuni dovuti al vaccino antirabbico, ma la divulgazione è rimbalzata sui social media, toccando un nervo scoperto per i genitori cinesi. Due anni fa, ricorda Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti“, uno scandalo simile è scoppiato dopo che la polizia ha arrestato un gruppo criminale che aveva venduto milioni di vaccini per bambini difettosi.
Il caso non venne rivelato per mesi, ma pare che la lezione non sia servita in quanto ancora una volta i controlli sembra non siano stati efficaci.