Sulla gestione dei migranti Famiglia Cristiana si schiera contro Salvini: "Vade retro"

Da quando Salvini si è insediato al governo le vittime delle tragedie delle imbarcazioni di migranti naufragate in mare, secondo i numeri riportati dal settimanale di Famiglia Cristiana, sono 1490, rispettivamente nel periodo che va dal primo gennaio al 18 luglio.
E così il settimanale di Famiglia Cristiana decide di fare il punto della situazione sull’impegno della Chiesa “contro certi toni sprezzanti e non evangelici”. Lo fa con una copertina in cui in prima pagina compare un Matteo Salvini accostato a Satana: “vade retro Salvini”.
Una copertina che al ministro dell’Interno Salvini non è piaciuta. E proprio in riferimento alla prima pagina del settimanale di Famiglia Cristiana il ministro e vice Premier ha replicato: “Non penso di meritarmi l’accostamento a Satana”. “È di pessimo gusto”, ha poi aggiunto. “Io non pretendo di dare lezioni a nessuno, sono l’ultimo dei buoni cristiani, ma non penso di meritare tanto” ha proseguito. Lo fa a tono caldo, a margine di un’audizione al Senato, riportando come quotidianamente, abbia “il sostegno di tante donne ed uomini di Chiesa” e riferisce che “anche il catechismo dice che bisogna accogliere nella misura del possibile”.
Ma secondo il settimanale non vi sarebbe nulla di personale, in quanto “si tratta di vangelo”. Niente di più.