"L'ho fatto per il mio paese", il comico Antonio Cornacchione arriva al Teatro di Villazzano

“L’Obiettivo? Replicare il successo dello scorso anno. Desiderio? Fare ancora di più in termini di numeri ma soprattutto di soddisfazione regalata a chi in teatro cerca divertimento ma anche voglia di misurarsi con le “questioni serie”.
Con queste premesse riapre la stagione del Teatro di Villazzano, il primo appuntamento sarà il prossimo venerdì 19 ottobre alle ore 20.45 con lo spettacolo: “L’ho fatto per il mio paese” del comico Antonio Cornacchione.
In modo leggero, senza stress. Eccola la seconda stagione di prosa comica del Teatro di Villazzano. La commedia all’italiana, rinnovata grazie a testi giovani e freschi che guardano con ammirazione ai mostri sacri degli anni Sessanta e Settanta, è uno dei punti di forza della proposta multigusto di Estroteatro/TeatroE. L’anno scorso i titoli del programma a largo uso di risata ottennero due grandi successi: pienone di pubblico, pienone di applausi.
Quest’anno torna in scena con un cartellone ancora più pimpante che cambia i giorni di programmazione – venerdì e sabato al posto del sabato e della domenica – ma che non cambia la filosofia scelta dal team che gestisce il teatro sempre meno periferico di Villazzano.
La filosofia? Far pensare in allegria, portare in scena croci e delizie dell’italico quotidiano con dinamiche scoppiettanti di gag e di situazioni comiche. Una formula vincente che si deve al lavoro di promozione di Bilancia Produzioni, fucina di un’offerta teatrale di qualità e coinvolgimento anche senza i “grandi nomi” del palcoscenico.
Il debutto della stagione comica è affidato a un nome che sta a mezza strada tra fama e fame di impegno sociale senza tirarsela troppo. Sarà Antonio Cornacchione ad aprire la stagione venerdì alle 20.45 con il suo nuovo spettacolo dal titolo L’ho fatto per il mio paese, in coppia sintonica Ippolita Baldini.
La regia è di Daniele Sala su testo scritto dallo stesso Cornacchione assieme a Francesco Freyrie e Andrea Zalone. Archiviato il “Silvio” che rese onnipresente la satira stempiata e ciondolante del Cornacchione d’epoca berlusconiana, il comico di oggi veste i panni del batostato da crisi economico-sociale che sono l’abito quotidiano di troppi, davvero troppi, italiani.
Senza lavoro e senza una lira che si può fare? Si può azzardarsi eroe. Si può rapire una Ministra, nasconderla in cantina. Con la Ministra prigioniera si può dialogare di politica. La politica di chi fa politica per fare il proprio bene: il bene personale. E la politica di chi alla politica chiederebbe umilmente un po’ di bene comune. Cornacchione e Baldini, insomma, si cimenteranno in una tragicommedia quantitativamente irresistibile e qualitativamente attuale.
La prosa comica deve essere così: riflessione postuma, appena fuori dal teatro, in casa e con gli amici. Sì, perché in teatro tocca lasciarsi andare alla risata. E con Cornacchione il gioco viene facile.