"The European Sport Ecosystem", il Trentino prima provincia italiana rappresentata

Il Trentino è la prima regione italiana ad entrare nel cluster europeo dello sport
Si è da poco concluso a Ghent, in Belgio, il summit internazionale su sport e innovazione, intitolato “The European Sport Ecosystem: Sport Tech Transfer and R&D Summit”.
La conferenza, organizzata da partner internazionali come Pinnacle, Ghent University/Victoris ed EPSI (European Platform for Sport Innovation), aveva tra gli obiettivi quello di promuovere lo scambio di conoscenze tra industria, business e accademia e di rafforzare la cooperazione ed il trasferimento di innovazioni dai laboratori di ricerca alla capitalizzazione industriale nel campo dello sport.
Il summit europeo si è quindi focalizzato sull’ecosistema europeo dello sport, soprattutto sul trasferimento tecnologico nello sport, su startup, progetti di ricerca & sviluppo, incoraggiando la commercializzazione di tecnologie innovative sviluppate da startup ed istituti di ricerca pubblici e privati.
Il Trentino, prima provincia e regione italiana ad aderire formalmente a Clusport, è stato rappresentato in Belgio dalla sua società di sistema Trentino Sviluppo.
«Occasioni come questa – ha sottolineato Alberto Bichi, direttore esecutivo di EPSI, la Piattaforma europea per l’Innovazione nello sport – permettono di scoprire le nuove opportunità internazionali che esistono nel mondo dello sport. Sono in corso a Bruxelles discussioni informali e formali sul budget dell’Unione Europea da dedicare a questo settore e si parla di 1 miliardo di euro per collaborazioni inter-regionali».
«Questi fondi sono importanti – ha aggiunto Bichi – ma ancora più importante è il processo di collaborazione a livello inter-regionale. Mi congratulo con il Trentino per essere la prima regione italiana a diventare membro di Clusport, per aver lanciato un acceleratore di startup sportive ed aver organizzato il Festival dello Sport». «Ero a Trento in quest’ultima occasione – ha concluso Bichi – ed ho potuto toccare con mano l’eccellenza innovativa ed organizzativa espresse dal territorio. EPSI, Clusport e altre piattaforme di dialogo sono al fianco del Trentino per sviluppare una strategia e per capitalizzare, anche economicamente, queste opportunità».
Federico Eichberg, della Rappresentanza Permanente Italiana presso l’Unione Europea, ha illustrato le opportunità internazionali e l’agenda europea, che si focalizzerà soprattutto con il Consiglio dei Ministri dello Sport di fine novembre. Eichberg ha spiegato in particolare sul perché l’innovazione nello sport è importante e perché è fondamentale collaborare nello sport finalizzato a creare un ecosistema di innovazione.
Era presente anche Iris Cordoba Mondejar, general manager del Global Sport Innovation Centre powered by Microsoft, un centro di ricerca applicata, di startup e di innovazione di base a Madrid che ha raccolto 17 milioni di euro per sviluppare l’ecosistema dell’innovazione nello sport, per creare un network di partners e per rafforzare le potenzialità delle startup.