Ciocca (Lega): "Vogliamo rispetto dall'UE. L'Italia non abbassa più la testa come in passato"

Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega divenuto famoso nelle scorse settimane per il “gesto della scarpa”, è stato intervistato dai microfoni della trasmissione radiofonica “L’Italia s’è desta” condotta da Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.
 Angelo Ciocca è tornato a parlare della vita all’Europarlamento denunciando il fatto che non si faccia la raccolta differenziata dei rifiuti: “Dentro un cestino dell’Europarlamento abbiamo trovato carta, plastica, una confezione di shampoo, c’era di tutto. Questa è l’assurdità di un’istituzione europea che legifera e impone regole alle nostre aziende e alle nostre famiglie, come la tassa sui sacchetti di plastica, e poi guardate i sacchetti che utilizza l’Europarlamento e guardate i cestini e capirete che mancano proprio i fondamentali della differenziata. Vorrebbero mettere tasse sulla plastica. Prima dovrebbero efficientare gli sprechi pubblici della macchina europea”. 
Successivamente Angelo Ciocca ha parlato della manovra economica italiana e sul possibile dialogo con l’UE, aggiungendo:“Non cerchiamo di attaccare brighe, siamo rispettosi e cerchiamo rispetto, è chiaro che se non ce lo danno, l’Italia non è più disposta ad abbassare la testa come in passato .
Infine l’europarlamentare ha voluto concludere parlando del suo personale rapporto con Moscovici: “Regalerò un paio di scarpe Made in Italy a Moscovici, come gesto distensivo e come gesto che dà lustro al nostro Made in Italy”.