Il Presidente del Senato Casellati compra a Trento il libro per il Papa

Era a Trento, alla libreria antiquaria Studio Bibliografico Adige il libro che Maria Elisabetta Alberti Casellati ha voluto donare a Papa Francesco, dal titolo “Vita e miracoli del gloriosissimo taumaturgo Santo Antonio di Padova”.

Ieri mattina infatti Papa Francesco ha ricevuto il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. Si è trattato di una visita istituzionale durata circa un’ora, in occasione della quale il Presidente del Senato ha fatto dono al Santo Padre di due testi: “Le origini di Padova”, del 1625, ed un’opera non presente nella Biblioteca Apostolica Vaticana sulla vita e sui miracoli di Sant’Antonio.

«Dopo aver ricevuto una telefonata dalla direttrice della Biblioteca del Senato – racconta Salvatore Rizzo, Presidente dei Librai trentini – sabato scorso si sono presentati in libreria i funzionari del Senato per acquistare e ritirare il volume. Ieri ho scoperto che quell’opera, peraltro assente nella Biblioteca Apostolica Vaticana, è stata donata a Papa Francesco dal Presidente Casellati. È senz’altro motivo di orgoglio aver contribuito a questo omaggio e non può che renderci felici».

Edizione nuovissima accuratamente epilogata dalla celebre opera dell’abate Emmanuele de Azevedo adorna di XXV tavole in rame, edito a Padova nel 1829 per i tipi di Valentino Crescini, l’autore del libro è Emanoel de Azevedo, ex gesuita portoghese che visse esiliato in Veneto, da Roma, nella seconda metà del Settecento.

«Il volume – spiega Rizzo – possiede un primo frontespizio e XIV tavole fuori testo incise in rame e impresse su carta pesante. Le tavole di gusto popolare rappresentano episodi della vita del Santo e presentano al piede un commento in latino. Si tratta di un’opera assai rara, apparentemente non apparsa sul mercato negli ultimi anni».