Rossi (PATT): "Quanto inciderà il Reddito di Cittadinanza sul bilancio?"

Spesso le decisioni prese a livello nazionale pesano a livello locale. Nel caso del Trentino, Ugo Rossi – Consigliere provinciale del PATT ed ex-Presidente della Provincia – si chiede il peso effettivo del Reddito di Cittadinanza.

I dubbi di Rossi sono nati dopo le dichiarazioni di Achille Spinelli, Assessore provinciale allo Sviluppo economico: “A quanto pare la norma del Reddito di Cittadinanza prevede che le risorse statali non sostituiranno le nostre, ma andranno semplicemente ad integrarle. La conseguenza è che quei risparmi su cui noi contavamo, nei fatti non ci saranno“.

Ciò che lascia perplesso Rossi è la dichiarazione sulle trattative per modificare la gestione del Reddito di Cittadinanza. “Vedo difficile una trattativa politica – aveva dichiarato Spinelli – dal momento che il momento è abbastanza teso per il Governo. Le modifiche sono sempre possibili, ma abbiamo già diversi fronti aperti con Roma“.

Da queste dichiarazioni, Rossi ha dato il via alla sua interrogazione da presentare al Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, chiedendo all’ex-Sottosegretario di Stato al Ministero della Salute se il Decreto legge istitutivo del Reddito di Cittadinanza produca o meno l’effetto di caricare sul bilancio della Provincia autonoma di Trento.

Qualora ciò non avvenisse, però, Rossi vuole conoscere anche a quanto ammonterebbe il “risparmio” di cui ha parlato l’Assessore Spinelli. Una questione abbastanza spinosa già per il Governo nazionale ma che sembra estendere preoccupazioni e dubbi anche sul piano locale.