Spinelli visita IGF e ATIS, due eccellenze dell'imprenditoria trentina

Due realtà importanti, che investono nella propria attività, con ricadute positive sul territorio“. Così Achille Spinelli, Assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca e Lavoro, che oggi ha visitato l’IGF di Aldeno e l’ATIS di Mezzolombardo.

La Provincia – ha proseguito l’Assessore – non può che essere vicina e supportare, nell’ambito delle leggi di settore, realtà come queste, che hanno dimostrato di saper stare sul mercato e crescere in termini di fatturato e di livelli occupazionali, nonostante la crisi economica degli ultimi anni. Gli investimenti fatti da queste aziende, portano benefici all’intero sistema economico locale“.

La visita alla Atis di Mezzolombardo, impresa in forte espansione che dal 2006 opera nel settore dei manipolatori pneumatici, è coincisa con la cerimonia di posa della prima pietra della nuova sede, che nascerà a pochi metri dall’attuale, nella zona produttiva della Rupe. Un investimento che permetterà all’azienda, che occupa una quarantina di persone, di ampliare la propria base produttiva.

Sono davvero felice di essere qui – ha detto Spinelli – vi faccio i complimenti per questo nuovo investimento e per la capacità e la lungimiranza che avete dimostrato in questi anni difficili. Siamo pronti a sostenervi, consci che il vostro successo porterà benefici all’intera comunità trentina“.

IGF, invece, si occupa di legatoria industriale specializzata da oltre 35 anni. La sua produzione è rivolta soprattutto al mercato editoriale che necessita di un alto livello qualitativo. Annualmente riesce a produrre 20 milioni di brossure e 5 milioni di libri.

Oltre a visitare le linee produttive nei due stabilimenti, l’Assessore Spinelli ha esaminato i progetti di investimento delle due aziende oggetto di procedure negoziali con la Provincia. In entrambe i casi il contributo provinciale verrà concesso a fronte di precisi impegni volti a massimizzare le ricadute sul territorio, in primo luogo quelle di carattere occupazionale, ma anche quelle legate a contratti con l’indotto locale.