Inaugurata la nuova risonanza magnetica dell'Ospedale di Cavalese

La nuova risonanza magnetica, installata in tempi record dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari all’Ospedale di Cavalese, sarà a servizio sia dei pazienti ricoverati che per quelli esterni.

L’apparecchiatura, il cui costo complessivo è stato di oltre 270 mila euro, consentirà a regime di effettuare 2500 esami all’anno, ma anche di ampliare l’offerta diagnostica; in questi giorni si sta completando la formazione del personale e si prevede l’avvio dell’attività clinica il 4 marzo.

Ieri l’inaugurazione ufficiale, alla presenza del Presidente della Provincia Maurizio Fugatti, dell’Assessore alla Salute, Politiche sociali, Disabilità e Famiglia Stefania Segnana, del direttore generale dell’Apss Paolo Bordon affiancato dal direttore dell’Unità operativa di radiologia Maurizio Centonze e dal direttore medico del presidio Pierantonio Scappini.

Presenti anche i locali amministratori, dal sindaco di Cavalese Silvano Welponer al presidente della Comunità di Valle Giovanni Zanon, ai consiglieri provinciali Gianluca Cavada (Lega) e Pietro De Godenz (UpT).

Possiamo mantenere i servizi in valle solo se c’è la volontà del territorio” ha dichiarato il Presidente Fugatti, specificando che in questo senso la Valle di Fiemme ha dimostrato la propria tenacia. “Questo è un servizio funzionale e moderno scaturito da un percorso voluto insieme da amministratori, medici e cittadini per un ospedale davvero presidio del territorio, sul quale sono in corso lavori di ristrutturazione che ci consentiranno di rispondere al meglio alle esigenze di residenti e pazienti“. 

L’Assessore Segnana ha invece evidenziato l’impegno riservato agli ospedali di valle: “I lavori per il pronto soccorso saranno portati avanti come abbiamo concordato. Da parte nostra, l’attenzione sarà sempre elevata, grazie a tutti coloro che hanno lavorato per raggiungere questo importante risultato, fondamentale per la Val di Fiemme“. 

Il Sindaco Welponer ha parlato di un valore aggiunto, mentre il Presidente della Comunità Zanon ha ricordato i prossimi step per l’ospedale, dalla sala operatoria a supporto della neonatologia che sarà pronta in estate ai lavori al pronto soccorso.