Finanza. Siglato primo accordo tra Provincia e Consiglio delle Autonomie

In mattinata è stato siglato dalla Giunta Provinciale, durante la sua seduta a Segonzano, il primo accordo di finanza locale fra la Provincia e il Consiglio delle Autonomie.

Si tratta di un accordo “ponte” che soddisfa l’esigenza per gli enti locali di avere certezza nella propria programmazione finanziaria prima della definizione del Protocollo di finanza locale 2019, che avverrà in sede di approvazione della manovra di assestamento.

L’accordo di oggi, proposto dall’assessore agli enti locali Mattia Gottardi, conferma la politica fiscale provinciale relativa ai tributi comunali definita con le precedenti manovre, con particolare riferimento alle risorse destinate al comparto delle autonomie locali, e fissa le risorse di parte corrente, attualmente disponibili sul bilancio tecnico, da destinare nel 2019 ai rapporti finanziari con i Comuni, a complessivamente euro 275.700.000,00. Le risorse di parte corrente, da destinare sempre nel 2019 alle Comunità ammontano invece ad euro 120.527.050,00.

Per gli investimenti dei comuni infine il bilancio tecnico provinciale rende attualmente disponibile la Quota ex FIM del Fondo investimenti programmati dei comuni: nel 2019 53,71 milioni di euro; nel 2020 54 milioni di euro; nel 2021 54 milioni di euro.

Per quanto riguarda le gestioni associate obbligatorie, l’accordo prevede che entro 3 mesi la Provincia avvii un confronto con il CAL su una prima proposta di revisione dell’attuale assetto ai fini della definizione di uno specifico disegno di legge

In materia di personale, vengono confermate le regole per le assunzioni di personale negli enti locali in vigore per il 2018 e quindi anche le particolari deroghe di legge che consentono di assumere personale di ruolo o a tempo determinato in determinate casistiche e permangono invariate le regole per l’assunzione di personale di polizia locale e per i custodi forestali.

In relazione all’emergenza legata agli eccezionali eventi meteorologici che hanno coinvolto il territorio provinciale alla fine di ottobre 2018, infine, l’articolo 4 dell’ordinanza del presidente del 19 dicembre 2018, che ha disposto interventi urgenti per fronteggiare lo stato di emergenza, consente ai comuni interessati di derogare motivatamente alle disposizioni provinciali che limitano le assunzioni di personale a tempo determinato e le assunzioni di personale stagionale”. 

(Fonte: Comunicati Stampa Provincia Autonoma di Trento)