Sparito nuovamente il Tricolore al Brennero. Urzì: "I criminali che lo hanno colpito hanno offeso la dignità di un intero Paese"

Non si fermano gli atti vandalici di matrice anti italiana al confine del Brennero dove ancora una volta è stata rubata la bandiera italiana dal confine di stato.

Solo pochi giorni fa la bandiera italiana era stata ricollocata al cippo di confine del Brennero, da dove diverso tempo prima era misteriosamente sparita. A seguito delle segnalazioni le autorità avevano provveduto anche a riparare il carrello per la sua elevazione e ricollocare il Tricolore al suo posto.

Nelle ultime ore però, il pennone è stato però nuovamente aggredito con chiara volontà di danneggiarlo, la fune strappata, e il Tricolore, nuovamente, rubato.

Sulla vicenda è intervenuto il Consigliere provinciale de L’Alto Adige nel cuore – Fratelli d’Italia Alessandro Urzì. Il consigliere ha dimostrato tutto il suo rammarico dichiarando: “Lo rivogliamo subito al suo posto (il Tricolore). E che i criminali che lo hanno colpito e con esso hanno offeso la dignità di un intero Paese siano assicurati alla Giustizia!”.