"Ho goduto nel vedere Notre Dame bruciare". Le dichiarazioni choc della Nappi

“In sé – ha detto – veder qualcosa bruciare è sempre uno spettacolo. Non mi ricordo chi disse che era uno spettacolo fantastico vedere le Torri Gemelle cadere. È come una scena da film. Una scena drammatica e anche spettacolare. E poi è pur sempre una chiesa e veder una chiesa bruciare è pur sempre bello”. A dirlo è stata Valentina Nappi commentando l’incendio di Notre-Dame a “La Zanzara”.

“Il punto – ha spiegato – è abbracciare o non abbracciare tutta la cultura che ci vomitano addosso da quando nasciamo. Perché tutti quelli che si sbattono e dicono io sono cristiano, spesso di cristiano non hanno nulla ed io sono molto più cristiana di loro. Perché non posso rifiutare tutta la cultura con cui sono cresciuta? Non la posso rifiutare? Ditemi perché è una bestialità…”.

“È una grande perdita – ha ribadito Nappi – ma non posso non godere nel vedere una chiesa bruciare. Sono due piani completamente diversi. Non è come fare una gang, ma come godere di una scoperta scientifica. Bisognerebbe sconsacrare tutte le chiese e annullare la religione organizzata. Voi credenti siete una banda di cretini. Satana? Mi piace, è un personaggio fighissimo. Nel Vecchio Testamento rappresenta la luce, la ragione, la ricerca, la scienza”. Una posizione, la sua, già espressa su Twitter nelle ore immediatamente successive all’incendio.

https://twitter.com/ValeNappi/status/1118220173406867457