Pericolo (Delsa): “Bisesti inadatto”. L’Assessore: “Faccio paura perché lavoriamo bene”

Duro botta e risposta tra il segretario del sindacato autonomo Delsa Mauro Pericolo e l’Assessore provinciale all’Istruzione Mirko Bisesti, criticato di essere inadatto e ambizioso.

L’attuale governo leghista combatte l’immigrazione sul resto del territorio mentre crea l’emigrazione in casa sua” ha dichiarato infatti ai giornali il segretario Pericolo. “Gli insegnanti precari sono persone di grande esperienza, con tanti anni di insegnamento alle spalle, quasi tutti ne hanno almeno una decina“.

La colpa, secondo il segretario del Delsa, sarebbe di Mirko Bisesti e Claudio Cia, accusato di essersi fatto portavoce in campagna elettorale della battaglia per gli insegnanti precari e di essere poi sparito una volta terminate le elezioni.

Viste le posizioni prese negli ultimi periodi, riteniamo che probabilmente non ci sia neanche la consapevolezza del bisogno del comparto” ha aggiunto Pericolo, passando poi alle accuse verso Bisesti: “È stato un errore mettere all’assessorato all’istruzione un ragazzo che ha poca esperienza e ambizioni ben diverse dal costruire qualcosa in Trentino. Ne stiamo già pagando le conseguenze“.

Inevitabile una risposta di Bisesti dopo l’intervento di Pericolo: “Voglio ribadire che il concorso per la scuola primaria sarà indetto, analogamente a quanto avverrà sul resto del territorio nazionale, nel corso del 2020, specificamente nel mese di aprile, così da potersi avvalere delle relative graduatorie per le assunzioni in corso già a partire dall’anno scolastico 2020/2021. Il concorso è riservato e indetto appositamente per cercare di abbattere il precariato nella scuola, tanto che anche i diplomati magistrali potranno partecipare“.

Specifico poi – continua la nota stampa dell’Assessore – che abbiamo individuato un percorso per il quale non ci sarà un sovrannumero di insegnanti esterni alla Provincia nei ruoli della nostra scuola. Vogliamo premiare chi per anni è stato al servizio dei nostri studenti. Inoltre gli uffici mi hanno garantito che non ci saranno problemi nel reclutare docenti per il prossimo settembre, in attesa che il concorso possa darci un numero soddisfacente di insegnanti idonei“.

Dispiace inoltre osservare che, ancora una volta, sono state riportate dichiarazioni a senso unico, senza contattare il sottoscritto o l’assessorato per chiedere delucidazioni” commenta Bisesti. “Sulle accuse e le sterili critiche personali, provinciali e mediocri, fatte a me e al consigliere Cia da parte del sindacalista non rispondo. Credo infatti che l’impegno profuso per costruire un Trentino migliore sia palese“.

Noi siamo da sempre al fianco dei lavoratori. Spiace che, ancora una volta, un sindacalista, ex-candidato non eletto alle scorse elezioni, usi la sua posizione per polemizzare sui giornali, senza fare nulla per migliorare la condizione dei lavoratori con fatti concreti” ha commentato l’Assessore, passando poi a un elenco dei risultati ottenuti in questi primi mesi di Governo: “La riduzione del costo a carico delle famiglie per le tariffe per il servizio di tempo prolungato nelle materne; lo stanziamento di maggiori risorse finanziarie a favore degli studenti con bisogni educativi speciali; l’intervento sulla riduzione del numero massimo di studenti per classe per una maggiore qualità dell’insegnamento e dell’ambiente scolastico così come l’intervento sulle pluriclassi; i maggiori investimenti nel campo della robotica; una maggiore autonomia scolastica garantita alle scuole nell’applicazione del CLIL e il primo passo verso la rimodulazione dello stesso“.

Questo tipo di accuse – conclude Bisesti – sono la conferma che stiamo lavorando nella direzione giusta, per il bene delle nuove generazioni trentine“.

RFP