È ufficiale, arriva il dato Istat: l’Italia è a crescita zero. Meloni: “ora lo Choc fiscale”

«È ufficiale, arriva il dato Istat: l’Italia è a crescita zero! Choc fiscale: se non ora, quando?!». Lo scrive su twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che fa emergere un dato preoccupante: quello della crescita zero.

Il Paese, per riprendere le parole della Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, sui dati dell’Istat sul Pil di ieri, è fermo. Come fare dunque?

Mentre per la leader di Fdi l’alternativa sarebbe rappresentata dallo “choc fiscale”, per Furlan “serve una scossa condivisa con le parti sociali per far ripartire la nostra economia: meno tasse su lavoro e pensioni, sblocco infrastrutture, più investimenti pubblici in innovazione, ricerca, formazione, assunzioni nella P.A. e nella sanità”.

Una fase di stagnazione costate per il nostro Paese, che, nonostante gli ultimi dati più o meno positivi sull’occupazione e la ripresa industriale, attraverso una fase delicata. Il Pil italiano nel secondo trimestre del 2019 è rimasto fermo sia rispetto ai tre mesi precedenti che su base annua. Lo rileva l’Istat nelle stime (dati corretti per gli effetti di calendario e destagionalizzati), che vede il Pil rallentare dopo il “marginale recupero” congiunturale del primo trimestre dell’anno.

“Sebbene il quadro internazionale rimanga complesso, la crescita dell’economia italiana dovrebbe gradualmente riprendere nella seconda metà dell’anno. Pertanto, la previsione di crescita media annuale del Def (0,2 per cento) è ancora raggiungibile”. Così in una nota il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, dopo la crescita zero del secondo trimestre certificata dall’Istat. “Dobbiamo perseverare nello sforzo di rilanciare la crescita dell’economia in un contesto di stabilità finanziaria e sostenibilità sociale ed ambientale”.

“Il dato era atteso e riflette in larga parte il rallentamento in atto nell’economia dell’eurozona”. Così il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria dopo che l’Istat ha certificato crescita zero nel secondo trimestre. Una valutazione, prosegue una nota del Mef, “in linea con le stime più aggiornate” del ministero che “descrive una situazione di complessiva stagnazione dell’attività economica”.

“Crescita zero. Questo governo sta uccidendo la speranza degli italiani. Organizziamo l’alternativa: vogliamo lavoro, scuola, sanità investimenti”. Lo scrive su Twitter il segretario del Pd Nicola Zingaretti.