Come salvare gli oceani dalla plastica guardando un porno

Anche il mondo del porno si mobilita per raccogliere fondi per la rimozione della plastica dagli oceani. Lo ha fatto il noto sito porno per adulti Pornhub con un video dal titolo “Dirtiest porn ever“, un video che ogni volta che verrà riprodotto porterà Pornhub a fare una donazione a Ocean Polymers, un’organizzazione senza scopo di lucro che sta pianificando di lanciare una nave per raccogliere e rielaborare la plastica dal mare.

“Siamo sporchi qui a Pornhub, ma ciò non significa che le nostre spiagge lo debbano essere”, ha spiegato Corey Price, vice presidente di Pornhub.
Quello che Pornhub ha filmato è il porno più sporco di sempre, ma è finalizzato a raccogliere fondi per pulire gli oceani del mondo: la breve pellicola, infatti, presenta una coppia nota come Leolulu che fa sesso su una spiaggia circondata da immondizia per dimostrare “come la plastica e i rifiuti possano rovinare una scena altrimenti bella”.

Mentre la coppia fa sesso, i raccoglitori di rifiuti che indossano tute marchiate rigorosamente Pornhub puliscono attorno.
“L’inquinamento degli oceani è cresciuto fino a diventare uno dei problemi globali più significativi della nostra vita e sta solo peggiorando”, ha continuato Price.
“Ecco perché è indispensabile che utilizziamo la nostra piattaforma per sensibilizzare e ispirare il cambiamento – non solo per il momento, ma anche per le generazioni a venire”.
Accanto al video, Pornhub ha creato un sito Web che offre consigli agli spettatori su come su può evitare che le materie plastiche monouso finiscano nell’oceano.
Il sito delinea tre passaggi per aiutarti: acquistare meno plastica possibile, riciclare tutta la plastica monouso e, se ti godi grandi spazi aperti, pulire l’immondizia.
Ocean Polymers ritiene che lavorare con Pornhub contribuirà a diffondere il messaggio sull’inquinamento da materie plastiche a persone che difficilmente sarebbero venute a contatto con questo problema di rilevanza mondiale. “Siamo tutti parte del problema e dobbiamo lavorare insieme per trovare soluzioni”, ha affermato Heather Wigglesworth, direttore esecutivo di Ocean Polymers.
“Questo è un marchio con una portata globale significativa che abbraccia tutti i dati demografici, quindi è una piattaforma molto efficace per sensibilizzare e sostenere la crisi che affrontiamo oggi nei nostri oceani. Sarebbe bello vedere più aziende di queste dimensioni e statura prendere la stessa responsabilità con il pubblico che coinvolgono “.