Pinzolo, Salvini: “Al Governo con registratore di cassa” per lucrare sui profughi

La Procura di Agrigento in questi giorni ha aperto un’inchiesta per sequestro contro ignoti .. indovinate chi è l’ignoto!” Poteva mancare una battuta? Certo che no .. e tanto battuta non è: anche lo scorso anno Matteo Salvini proprio in questi giorni era a Pinzolo, per l’edizione della manifestazione in corso in queste ore, ed era in quel frangente minacciato di essere arrestato e processato per le navi che riempiono il Mediterraneo. Il caso noto della Diciotti, per la quale attualmente i profughi hanno chiesto rimborsi.

Matteo Salvini a Pinzolo avverte: “Al Governo qualcuno è già lì con il registratore di cassa, a questi interessano solo i soldi, non è solidarietà cristiana.” Parla chiaramente del via vai dei barconi che solcano il Mediterraneo incessantemente.

Ironia e verve per Matteo Salvini, intervenuto alla Festa di PinzoloPrima gli italiani! Io sto con Salvini” il 31 agosto alle ore 21.30, con una folla ingente di fronte al palco, che dal pomeriggio alle 18.00 attende il suo arrivo. Diretta facebook e diretta sala stampa, un oratore instancabile che parla di cosa succederà al Governo prossimamente, in Italia, nella nazione.

L’intervento di Matteo Salvini segue e chiude la giornata di interventi degli esponenti locali, regionali e delle regioni limitrofe della Lega. Presente anche Mara Bizzotto insieme agli esponenti a Governo del Trentino capofila Presidente Maurizio Fugatti e Assessori Mirko Bisesti, Alessandro Savoi, Mauro Sutto, Martina Loss, Roberto Pacher, Giulia Zanotelli e gli altri (la festa estiva trentina della Lega). Ampia partecipazione del pubblico, grande entusiasmo, idee che non si fermano. #PRIMALITALIA tour.

Mirko Bisesti

Non risparmia nessuno, difende le radici e le tradizioni cattoliche e cristiane, parla del ceto medio e del timore della “tassazione sulla casa” – Dovranno passare sui nostri corpi – dice. Il timore è che il concetto della redistribuzione della ricchezza, come concepito da ora in poi, possa consistere nel mettere le mani nei portafogli dei cittadini.

Senza dubbio una folla che – secondo l’organizzazione – supera anche quella delle edizioni precedenti. “Grazie di cuore! Grazie a uno e ciascuno di voi!”

“Grazie a Pinzolo, una delle più belle località – dice Salvini – ma anche Carisolo, Spiazzo, Giustino, ma anche a Massimeno e a tutte le Valli, che qualcuno a Roma le Valli se le era dimenticate … in Italia le montagne se le sono dimenticate: l’Aspromonte in Calabria e la Val Rendena in Trentino. Le montagne, le comunità locali, le parrocchie, non esiste solo l’Italia di Virginia Raggi, no!” Così dice Salvini.

“Abbiamo un sogno ambizioso – dice Salvini – trovarci anche il prossimo anno, confrontando le cose già fatte, premiando il merito e guardando avanti.”

“I nemici dell’Autonomia sono in primis nemici di tutti quei cittadini italiani che devono spendere mille euro per venire a farsi curare al Nord – ha detto Salvini – i nemici dell’Autonomia non sono solo i nemici del Trentino o della Lombardia o del Veneto. I nemici dell’Autonomia sono nemici della speranza.” Matteo Salvini fa notare che, grazie alla gestione delle buone autonomie regionali, si vedono enormi differenze tra nord e sud, negli asili nido, nelle scuole, nella sanità. Il pubblico applaude e approva.

“Grazie di cuore – dice Salvini al pubblico – questa è una parte di terra bella, silenziosa, laboriosa, che fa qualcosa per il prossimo e spesso lo fa in silenzio!” Il pubblico impazza e chiama “Matteo, Matteo” e Salvini chiede di “non sentirsi mai inferiori a nessuno”. Di essere onesti e orgogliosi di essere leghisti e di andare a casa e nelle strade a portare sorriso ed entusiasmo.

Prima del diritto a emigrare, viene il diritto a non emigrare” dice Matteo Salvini. Frase che, ricorda, appartiene a Papa Joseph Ratzinger.

E si chiude quindi così l’intervento di Matteo Salvini, che ringrazia con gioia i trentini che – anche quest’anno – hanno organizzato un incontro nonostante sia un periodo di ferie e sia sabato sera, sabato 31 Agosto, periodo che non è scontato dedicare alla politica. “Non è scontato che siate qui” dice.

Tornate a casa con il sorriso, perché tanto vinciamo noi!” Ha detto Salvini. “Onore e dignità valgono mille Ministeri” e la folla intona la canzone “Un capitano ..

Di Martina Cecco