Ecco le 15 app per smartphone più pericolose per i giovani

Negli Stati Uniti sta destando qualche clamore l’iniziativa di diversi dipartimenti della Polizia che hanno informato i genitori sulla potenziale pericolosità di alcune app per smartphone molto famose tra i più giovani, invitandoli a prestare molta attenzione alle attività in rete dei propri figli.

Nello specifico, il media statunitense 13WOWK ha raccontato il caso dello sceriffo di Sarasota, in Florida, che per proteggere chi è meno avvezzo dalle insidie di internet ha pubblicato una vera e propria black list delle app potenzialmente pericolose per i giovanissimi.

Nella lista diramata dallo Sceriffo statunitense compaiono alcuni tra i social media più utilizzati come Whatsapp, Tik-Tok, Snapchat e Ask.fm, siti d’incontri come Badoo e Grindr per arrivare fino ad app all’apparenza innocue come calcolatrice%, ritenuta tra le più pericolose perchè potrebbe nasconde contenuti “pericolosi” senza destare sospetti. (Di seguito la lista completa delle applicazioni inserite nella lista: Ask.fm, Badoo, Bumble, Calcolatrice%, Grindr, Holla, Hot or Not, Kik, Live.me, MeetMe, Skout, Snapchat, Tik-Tok, Whatsapp, Whisper)

Questa notizia fa tornare di strettissima attualità il problema dei pericoli a cui sono sottoposti i più giovani quando utilizzano lo smartphone o navigano in rete. La vastità di contenuti presenti sui social media o su internet, e il loro sempre più facile utilizzo, rende evidente la necessità di porre dei paletti che possano tutelare tutti gli utenti.

Anche in Italia questo è un tema molto dibattuto con numerosi genitori che si sono detti preoccupati dalle insidie che applicazioni, all’apparenza innocue, possono riservare per i più giovani.

La soluzione sia negli USA che in Italia non può che essere quella di una maggiore attenzione da parte dei genitori negli strumenti che i propri figli utilizzano quotidianamente. Senza cadere però nell’errore di demonizzare ogni cosa come fosse il male assoluto: va ricordato infatti che tutte le applicazioni presenti nella lista sono state concepite per un pubblico adulto e che l’utilizzo consapevole non comporta alcun rischio per gli utenti.

L’interrogativo che è doveroso porsi invece rimane quello in merito alla facile accessibilità di diverse applicazioni “per adulti” come le app per incontri, che hanno una profilazione molto semplice e facilmente arrivabile anche ai più giovani, oltre ad essere un ottimo terreno dove commettere il reato di phishing, ovvero furto di dati personali.

Dunque è fondamentale muoversi in questa direzione per poter garantire a tutti i tipi di utenti di poter utilizzare strumenti come l’App-store di Apple o il Marketplace di Google nella più totale sicurezza senza che la fruibilità ne risenta.

Carlo Alberto Ribaudo

Informazioni su carloalbertoribaudo 200 Articoli
Di Verona, giornalista pubblicista dal 2021. Collabora con Secolo Trentino dal 2017, occupandosi principalmente di Cultura, Società e Politica.