Ecco il piano del Pentagono per distruggere l’Iran

L’Iran potrebbe essere ridotto in un cumulo di macerie dagli Stati Uniti in un colossale attacco di “dominio rapido” che distruggerebbe il regime durante la notte, il tutto dimostrabile sulla base di documenti trapelati.

L’operazione si chiamerebbe Theater Iran Near Term (TIRANNT), si ritiene che il piano di guerra sia il progetto per uno sciopero che spianerebbe la guerra per schiacciare la base di potere del paese entro 24 ore.

Una guerra all’Iran è stata studiata sulle piante geografiche del Pentagono per più di dieci anni.

I timori crescenti di un conflitto imminente, dopo il missile e gli attacchi con droni alle centrali fanno emergere i piani trapelati statunitensi che vedrebbero la distruzione del parco nucleare iraniano.  E mentre le armi convenzionali sarebbero state usate al posto delle armi nucleari, l’attacco avrebbe comunque schiacciato la forza militare dell’Iran con poco più di un giorno. 

Sotto TIRANNT, i missili da crociera sarebbero stati lanciati dalle navi nel Golfo e le bombe sganciate dalle formazioni della Stratofortress B52 e dagli aerei da guerra Stealth B2

Più di 10.000 obiettivi sarebbero stati colpiti.   Gli aerei potrebbero volare dal territorio britannico di Diego Garcia nell’Oceano Indiano, in Arabia Saudita e nel Regno Unito. 

Al momento esiste una sola portaerei della Marina americana impiegata nel Golfo, la USS Abraham Lincoln.

Ma il piano evidenzia come sei gruppi di portaerei possano essere spedite al largo delle coste dell’Iran con un preavviso di un mese. 

La pura intensità delle incursioni aeree rispecchierebbe gli attacchi del 2003 “shock e timore reverenziale” in Iraq.

Ciò ha visto rapidamente che le difese del paese si sbriciolano prima che un’invasione. Il piano di guerra, che coinvolge anche la NATO e le forze israeliane, è stato trapelato da William Arkin, un ex analista dell’intelligence statunitense nel 2007.

Il progetto è stato successivamente esaminato dal dott. Dan Plesch e Martin Butcher .

Il loro studio conclude: “Gli Stati Uniti hanno fatto preparativi militari per distruggere: le armi di distruzione di massa iraniane, le attività legate al nucleare, il regime, le forze armate, gli apparati statali e le infrastrutture economiche nel giro di pochi giorni se non ore.

“È probabile che qualsiasi attacco avvenga su una vasta scala multi-fronte, ma evitando un’invasione di terra.”

Il documento, tuttavia, non menziona l’uso di attacchi informatici alle centrali elettriche e agli uffici governativi, che quasi sicuramente verrebbero utilizzati insieme a bombe e missili nel tentativo di mettere il paese in ginocchio. 

Ma il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha affermato oggi che gli Stati Uniti hanno già iniziato una guerra cibernetica con il suo paese.

In un’intervista alla NBC, ha dichiarato: “C’è una guerra informatica in corso”.

Il funzionario iraniano ha citato Stuxnet, un virus informatico che si ritiene sia una creazione congiunta di Stati Uniti e Israele ed è accusato di aver interrotto migliaia di centrifughe iraniane nel tentativo di danneggiare il suo programma nucleare.

Ha detto: “Gli Stati Uniti hanno iniziato questaa guerra informatica, attaccando le nostre strutture nucleari in un modo molto pericoloso e irresponsabile che avrebbe potuto uccidere milioni di persone”.

Ha aggiunto: “Quindi c’è una guerra informatica … e l’Iran è impegnato in quella guerra informatica.