Da Castel Belasi Mirko Bisesti lancia gli Stati Generali della Cultura

L’Assessore alla Cultura Mirko Bisesti è intervenuto stamane nella cornice di Castel Belasi (Campodenno) all’interno del forum “Ripensare le politiche culturali oggi”, nell’ambito del ciclo “Dialoghi sulla Cultura 2019” annunciando, tra le varie, gli “Stati generali della Cultura 2019”.

Attraverso il suo intervento, arrivato nel finale del forum, l‘Assessore Bisesti ha dichiarato ricordato come il forum sia stato pensato per avere anche uno sguardo esterno sul sistema culturale trentino, aggiungendo come la “sfida culturale” rimanga un’assoluta priorità dato che quando si parla di cultura necessariamente si parla anche di futuro.

Proseguendo nel suo intervento Mirko Bisesti ha aggiunto: “Quello del futuro è uno dei concetti da cui siamo partiti e il lavoro del forum con gli esperti che abbiamo coinvolto è servito proprio a questo. Dare degli orientamenti per aprire un dibattito, dibattito che ha evidenziato tutte le potenzialità e criticità”.

Successivamente l’Assessore ha evidenziato come il dibattito che ci sarà il prossimo 22 novembre verterà sugli “Stati Generali della Cultura”, non per imitare quelli “della Montagna” ma perchè sono previsti per legge. L’obiettivo degli “Stati generali della Cultura” sarà quello di costruire la collegialità, fondamentale per superare le sfide future, partendo dagli investimenti che sono stati fatti in passato per arrivare a costruire una rete, intesa come unicum del sistema culturale trentino.

“Perchè quando si sente parlare del Trentino non si deve parlare solo del Trentino turistico dal punto di vista delle montagne, ma noi dobbiamo proporre anche il concetto che abbiamo un Trentino della Cultura con un’identità forte. Questo lo potremo fare solo se riusciremo a proporre il concetto che il Trentino è anche Cultura, non è Cultura perchè vado in un museo solo quando piove, è cultura perchè vi sono molti aspetti di qualità su cui vogliamo puntare” ha poi evidenziato Mirko Bisesti.

Infine, prima di concludere, l’Assessore alla Cultura, ha ribadito come vi siano dei progetti molto ambiziosi che verranno discussi (come il centro della formazione), investendo sulle nuove generazione che possono e devono dare tanto. Aggiungendo come la Provincia abbia l’obbligo morale di perseguire questi obiettivi nella miglior prospettiva possibile e ricordando come il forum sia servito per aprire il dibattito nell’ottica di aprire il progetto a tutti e valorizzare le eccellenze trentine.