Salta la V Commissione. Le opposizioni attaccano Bisesti, ma si sapeva da giorni della sua assenza (giustificata)

La lista Futura ha attaccato duramente l’Assessore provinciale alla Cultura Mirko Bisesti nelle ultime ore. Motivo della polemica sarebbe l’assenza del Segretario Nazionale della Lega Trentino alla riunione della V Commissione, ovvero quella relativa alla cultura.

Sulla pagina Facebook della lista locale si legge questo post, intitolato “Aspettando Godot”: “Se qualcuno dovesse vedere aggirarsi nei paraggi dei palazzi l’Assessore Bisesti, può cortesemente ricordargli che ha il dovere di presentarsi davanti alla Commissione cultura del Consiglio e rispondere alle domande dei consiglieri?”. In una non troppo velata ironia, la lista fa presente anche che il Consigliere provinciale Paolo Ghezzi ha abbandonato la Commissione per protesta.

Ma lo stesso giornalista ha tenuto a rincarare la dose sempre attraverso un post su Facebook: “Il giovane statista di Aldeno – dice riferendosi a Bisesti – ha scelto un attempato, ben 2 anni più vecchio di me, gigante della cultura come l’ex Senatore Sergio Divina, già presidente dell’associazione Stella Verde per il Centro servizi culturali ‘Santa Chiara’ ma non si degna di rispettare la commissione legislativa della cultura”. “Un giovane che dà il cattivo esempio ai suoi giovani fan” commenta duramente il Consigliere.

Peccato che la polemica sia tanto sterile quanto inutile: era già stato fatto presente che in concomitanza vi era un impegno alla Smau ma in sede di convocazione non erano state sollevate polemiche proprio perché il Consiglio è autonomo rispetto alla Giunta. Infatti non è infrequente che il Presidente Maurizio Fugatti mandi in commissione a rispondere alle domande dei consiglieri i dirigenti, in modo da poter presenziare agli appuntamenti istituzionali che devono essere rispettati dalle cariche pubbliche.

La stessa Presidente di Commissione – la Consigliera Alessia Ambrosi della Lega – era stata informata dell’impossibilità di Bisesti a partecipare ed era appunto stato chiamato in sostituzione il dirigente generale, necessario per discutere e approvare una delibera tecnica relativa all’offerta formativa delle scuole trentine. Formalità inaccettabile invece non solo per Ghezzi, ma anche per Sara Ferrari del PD e Filippo Degasperi del M5S.

Il Consigliere pentastellato ha infatti dichiarato: “Vedo qui i tecnici dell’assessorato, ma in assenza dell’Assessore non vi è la possibilità di confrontarsi politicamente sulla delibera che ci viene presentata. Non è la prima volta che Bisesti ignora i lavori di Commissione: ricordo infatti che sto ancora attendendo la copia della relazione che illustrò riferendosi al mio disegno di legge in materia scolastica“. Sulla stessa linea la Consigliera Dem: “Ricordo l’assenza di Bisesti in Commissione quando ci fu l’audizione di Vittorio Sgarbi, che venne a delineare i programmi di futura gestione del Mart“.

L’uscita dall’aula di Ghezzi, Ferrari e Degasperi ha quindi fatto mancare le condizioni per proseguire i lavori della Commissione per assenza del numero legale, impedendo così l’approvazione di un atto amministrativo relativo all’aggiornamento del quadro di offerta scolastica e formativa provinciale. Ciò sarebbe stato evitabile se la Consigliera Vanessa Masè fosse stata presente, ma anche la sua assenza era già stata giustificata in quanto impegnata nelle cure verso suo figlio.