Bibbiano, Gambarini (Cambiamo!): “Il Pd, controllato e controllore, si autoassolve”

“La commissione regionale guidata dal Pd – il partito del sindaco di Bibbiano e il partito che invitava Federica Anghinolfi a convegni e a parlare in Regione – ha deciso che il sistema Bibbiano non esiste. Cioè, il partito che vede suoi esponenti coinvolti nell’indagine sugli affidi illeciti in Val d’Enza ha formato una commissione, se ne è dato la presidenza e ha deciso dai dati sugli affidi non emerge nulla di anomalo”. Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!.

“A noi – prosegue – questa della commissione regionale è sembrata sin dall’inizio una presa in giro: il controllore, non può essere anche il controllato. Il Pd si vuole autoassolvere. Se davvero si fosse voluta approfondire la questione, la presidenza della commissione sarebbe dovuta andare all’opposizione. Invece il Pd fa tutto in casa. Se non hanno nulla da nascondere perchè non ci spiegano perchè presentavano come modello la gestione degli affidi in Val d’Enza o perchè la Regione ha finanziato associazioni legate a persone coinvolte nell’inchiesta? Il voto alle prossime regionali sarà importante anche per mettere fine a questo sistema di potere rosso autoreferenziale, dove gli amici degli amici vengono sempre prima di tutto il resto”.