Tensione in vista del voto in Emilia? Franceschini: «Non si può stare insieme solo per la paura di Salvini»

Salvini

Dopo la batosta in Umbria e le parole durissime del segretario nazionale del PD Zingaretti, che tanto aveva fatto riflettere circa i rapporti nell’alleanza con i giallorossi, ora a dir la sua c’è anche il ministro per i beni e le attività culturali Franceschini.

«I partiti di governo devono difendere compattamente la Finanziaria e nel contempo devono cercare le condizioni per costruire una maggioranza politica». Una maggioranza che, ricorda, è iniziata «per evitare che Salvini assumesse i “pieni poteri”». Ora però, dice il ministro e capo delegazione del Pd, «quella missione non basta più».

E tra i primi a commentare le parole del ministro, il leghista Angelo Ciocca, che a tal proposito, con un post “al veleno” sui suoi social network, accusa:

«Ecco l’ennesima prova che gli inciuci di palazzo #Pd#5stelle non nascono certo “per il bene del Paese”!! Qual era l’ obiettivo? Fermare Salvini!!! Al voto subito!!».

Una affermazione che lascia presagire molto di quel che sarà nel duro scontro, sul “tavolo da gioco” in Emilia-Romagna. Chi la spunterà? I sondaggi (per il momento) sembrano non aver dubbi. (Scopriteli qua).