Venezia, ZAIA: “In ginocchio”

L’Alluvione del 12.11.2019 mette davanti agli occhi l’apocalisse. Venezia sotto una inondazione da pioggia e marea che mostra il volto distrutto alla mattina del 13.

Insieme a lei Matera, Trani, le coste ioniche e la Basilicata, allarme meteo e Autostrada A22 con una corsia impegnata, causa allarme ghiacci, problemi di maltempo sulle Dolomiti.

Due sono le vittime accertate di questa alluvione.

La situazione (dopo le due maree) sembra lentamente tornare nei limiti.

Si tratta della seconda alluvione per gravità dopo il 1966, come si evince dal cippo indicato nella foto in galleria che abbiamo inserito sotto.

Le immagini sono state diffuse via social, Tagliapietra – Pugiotto.

ECCO LE IMMAGINI DELLA DISTRUZIONE A VENEZIA:

Italia alle prese con il disastro causato dalle improvvise inondazioni che hanno allagato alcune delle più belle città italiane.

Oggi si contano i danni, particolarmente a Matera, Venezia e Trani. Coglie ovviamente per motivi di conoscenza culturale un enorme suggestiva disperazione la situazione in cui versa la città lagunare, in cui il Mose, enorme opera di protezione, non è ancora stata attivata, Venezia in emergenza per l’alta marea: dopo il record di ieri alle 22.50, con il picco di acqua ad un metro e 87 scrive ANSA.

I conti dei danni sono immensi in tutte le città colpite (MC).