Dallapiccola (PATT): “Cosa fa la Provincia contro la drosophila suzukii?”

Nei giorni scorsi, la Provincia Autonoma di Trento ha organizzato un tavolo dove affrontare le emergenze derivate da alcuni parassiti come la cimice asiatica, particolarmente nocivi per il settore melicolo.

A detta del Consigliere provinciale Michele Dallapiccola – supportato dagli altri due Consiglieri del PATT Paola Demagri e Ugo Rossi – non c’è traccia, nei documenti, della drosophila suzukii, parassita che infesta invece i piccoli frutti. “La stampa dà, ancora una volta, risalto alla disparità di comportamento dell’Assessore all’Agricoltura nei confronti di problemi che affliggono il settore melicolo rispetto ad altri comparti della frutticoltura trentina“.

I piccoli frutti – continua il Consigliere – non sono figli di un Dio minore e bisogna constatare con disappunto che gli attuali piani normativi per risolvere i problemi di fatto si sormontano. Difatti progetti come le gabbie di quarantena, le deroghe al DPR 357/97, gli studi ambientali per l’immissione di parassitoidi, gli studi di sostenibilità e gli aiuti ai settori colpiti possono riguardare entrambe le coltivazioni, procedendo parallelamente e agendo in sinergia“.

Ci auguriamo che nei prossimi giorni ci sia una forte presa di posizione da parte di questo ‘Assessorato alle Mele‘ in relazione a una reazione dura ma ambientalmente sostenibile che porti avanti soluzioni concrete per questo fastidioso parassita, nel solco di quello che si sta provando a fare per la cimice asiatica” commenta sarcasticamente Dallapiccola.

In conclusione, il Consigliere del PATT riporta la domanda presentata nell’interrogazione, per la quale ha chiesto la risposta scritta: “Risponde al vero, come riportato dalla stampa, che l’Assessorato in occasione del tavolo verde si sia occupato solo di cimice asiatica? Se sì, qual è lo stato dell’arte del percorso di lavoro per individuare soluzioni praticabili nella lotta alla drosophila suzukii?“.