Di Maio: “M5S correrà da solo in Calabria ed Emilia-Romagna”

Il voto svolto sulla Piattaforma Rousseau ha certificato che il Movimento 5 Stelle deve correre alle elezioni regionali, nonostante le iniziali perplessità di Luigi Di Maio che aveva difatti chiesto una consultazione sul web dato il momento politico non certo tonico per il Movimento.

Con una schiacciante maggioranza, invece, gli iscritti hanno chiesto di presentarsi indifferentemente dal risultato ma – secondo quanto emerge dalle dichiarazioni dello stesso leader politico grillino – ci sarà addirittura una candidatura esterna alla coalizione di centrosinistra.

Era necessario votare su questo tema: in tanti, anche persone che hanno fatto la storia del MoVimento, hanno espresso i loro dubbi sulla partecipazione al voto in questo momento storico. Per questo, insieme a Beppe Grillo, abbiamo deciso di lasciare la questione agli iscritti, che ci hanno detto a gran voce di partecipare alle elezioni regionali ed è ciò che faremo” ha scritto il leader pentastellato sulla sua pagina Facebook.

In Emilia-Romagna e in Calabria ci presenteremo e i parlamentari e i consiglieri regionali di quelle regioni mi hanno chiesto di correre da soli” aggiunge Di Maio. “Alcuni avevano anche espresso delle perplessità su questa votazione, ma noi siamo il MoVimento 5 Stelle e quando dobbiamo prendere una decisione importante facciamo così“.

Con questo segnale forte da parte dei nostri iscritti, dobbiamo fare solo una cosa: dare il massimo per queste due regioni e tutti i nostri parlamentari, tutti i nostri consiglieri regionali e comunali hanno il dovere di dedicare ogni minuto libero, della settimana e del week-end, alla Calabria e all’Emilia-Romagna” ricorda il Ministro degli Esteri. “Non so che risultato raggiungeremo, ma so che sarò in prima linea e non mi risparmierò. Ora è arrivato il momento di mettersi tutti in gioco a difesa dei nostri valori“.

Abbiamo bisogno di tutti – continua Di Maio – delle vostre idee, della vostra partecipazione, di qualsiasi contributo in vista del 26 gennaio. Non abbiamo paura né del risultato né dell’opinione dei nostri iscritti su Rousseau. Ciò che temiamo è la mancanza di partecipazione, ma il voto di oggi ha dimostrato che non siamo soli“.

Siamo qui solo per servire i cittadini, anche solo per mettere un portavoce dentro le istituzioni, perché informerà le persone e parlerà con i cittadini che ci chiedono soluzioni. Per noi la politica è questo e già la prossima settimana individueremo i candidati presidenti” conclude Di Maio.

Il dato politico è importantissimo perché, tanto in Emilia-Romagna quanto in Calabria, la partita per le regionali sembra apertissima tra il centrodestra e il centrosinistra e un’eventuale candidatura solitaria del Movimento 5 Stelle potrebbe rappresentare una variazione determinante in fatto di risultati finali. Soprattutto in Calabria, dove la spaccatura già avvertita nel centrosinistra fa pensare a qualche possibile sorpresa a margine del 26 gennaio, data del voto.