In Trentino approvata mozione per dare una bandiera della Provincia Autonoma a ogni diciottenne

Una mozione passata quasi inosservata, ma che nei fatti è un forte messaggio identitario nei confronti del popolo Trentino. Se infatti fa discutere la proposta in discussione nel Consiglio regionale del Veneto di donare una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato, è passata senza problemi la mozione, proposta da Ossana del PATT ed emendata e condivisa dall’Assessore Bisesti, che prevede la consegna della bandiera della Provincia a ogni cittadino residente nel Trentino che ne faccia richiesta, a consegnare a chi compie la maggiore età una copia dello Statuto di Autonomia, della bandiera della Provincia autonoma di Trento, a promuovere l’organizzazione da parte delle scuole trentine di visite guidate nelle sedi istituzionali rappresentative dell’Autonomia trentina. 

Un atto, questo della mozione, ha concluso Ossanna, che serve a diffondere la consapevolezza di una storia autonomista che ha radici secolari. L’assessore Bisesti ha ricordato l’importanza di trasmettere i valori che stanno alla base dell’Autonomia. La consegna ai giovani dello Statuto e della bandiera trentina va, inoltre, nell’ottica del lavoro intrapreso dall’Iprase. 

Ossana, in replica, ringraziando Bisesti, ha detto che questo è un obiettivo raggiunto per il popolo trentino. Importante, ha concluso, sarà il lavoro che verrà fatto nelle scuole. Per Vanessa Masè (La Civica) è importante trasmettere l’orgoglio autonomista anche con mezzi che suscitano emozioni come la bandiera. Denis Paoli (Lega) ha ricordato che la Lega è in prima linea nella difesa delle radici cristiane del nostro territorio. Radici che stanno alle base dell’autonomia. Quindi è importante distribuire bandiera e Statuto anche per suscitare l’orgoglio di appartenere al Trentino autonomo. Sara Ferrari del Pd ha affermato invece che sarebbe bello occuparsi, anche per l’Autonomia, più che della forma della sostanza. Difendere l’Autonomia per quello che è più per che per quello che appare. E ha ricordato che mentre qui si distribuiscono bandiere del Trentino, il presidente della Giunta a Roma si fa ritrarre dietro la bandiera di San Marco. 

Certamente si sarà fatto ritrarre con vicino una bandiera di San Marco, ma in questo caso la Lega in Trentino ha dimostrato di superare, in termini di velocità d’azione e anche con l’aiuto del Consigliere del PATT Lorenzo Ossana, i colleghi veneti ancora impegnati a far approvare una norma che in Veneto prevede numerose difficoltà burocratiche.