Un gruppo sinti di Trento interpreta Bella Ciao per tutte le sardine d’Italia contro la politica dell’odio

Un gruppo sinti di Trento ha organizzato per le sardine di tutta italia un’interpretazione di “Bella Ciao” contro la politica dell’odio. “Abbiamo voluto così dimostrare il nostro appoggio a tutte le sardine d’italia”, ha voluto dire uno dei cantanti della canzone.

Interpretazione "Bella Ciao" da parte di alcuni sinti di Trento contro la politica dell'odio. Mailo Edison Gabrielli Manuel Innocenti Suami Gabrielli Israel Gabrielli

Pubblicato da Oscar Lustago su Domenica 1 dicembre 2019

Intanto a Milano l’ennesima piazza contro Salvini. Niente di nuovo sotto la pioggia. Tra la gente hanno sfilato ex militanti di Rifondazione Comunista, c’era il dem Majorino, Ornella Vanoni e anche lo scrittore Roberto Saviano.

Bella ciao è un canto popolare italiano, nato prima della Liberazione, diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza perché fu idealmente associato al movimento partigiano italiano. Nonostante sia un canto popolare italiano, legato a vicende nazionali, è tuttora noto in molte parti d’Europa come canto di ribellione contro il nazi-fascismo.

Venerdì 6 dicembre dalle 18 Piazza Duomo a Trento si trasformerà in un mare accogliente, colorato, inclusivo, vivace e rispettoso per dimostrare a tutti che anche la città di Trento non abbocca!

Sull’evento organizzato si legge: “L’onda partita da Bologna contro le politiche che fomentano odio e discriminazioni sta coinvolgendo migliaia di ragazze e ragazzi in tutte le piazze italiane e estere. Noi sardine trentine non vogliamo assolutamente restare ferme a guardare. Dimostreremo così quello che siamo realmente: accoglienti, creativi e solidali. E i valori che vogliamo difendere. Vi aspettiamo numerosi, con i vostri amici, colleghi, familiari. Diffondete la notizia il più possibile, solo attraverso il passaparola possiamo raggiungere tutti”.