Il No Tax Day della Lega Salvini Trentino a Trento

La Lega si riunisce a Trento per convincere le varie categorie produttive sulla bontà delle proprie proposte in merito al sistema fiscale, in contrasto con quanto propugnato dal governo giallorosso. Ad aprire il No Tax Day a Trento è stato il responsabile organizzativo della Lega Salvini Trentino, Gianni Festini Brosa, che ha aperto l’intervento spiegando che la Lega ha delle chiare proposte in merito al sistema fiscale.

Presenti all’evento gli Onorevoli trentini Mauro Sutto, Martina Loss, Vanessa Cattoi e Diego Binelli, oltre al capogruppo in Consiglio regionale Mirko Bisesti e l’Onorevole veronese Paolo Paternoster. Vanessa Cattoi si è soffermata sulla manovra, parlando di come una manovra finanziaria non debba essere contro le persone e gli esercenti. Ha posto poi dubbi anche sull’assenza di un dialogo costruttivo per quanto riguarda l’approvazione della manovra in Parlamento.

La Lega è a sostegno dell’imprenditoria. Far crescere il tessuto economico permette di far crescere il Paese. Ciò è possibile solamente mediante il dialogo e non vedendo l’imprenditore come un nemico” ha affermato la Cattoi per poi dire: “Vogliono recuperare i soldi dalla microimpresa senza tener conto dello sviluppo economico. Le piccole imprese sono un pilastro fondamentale per la nostra economia“. Una critica dura quella della Cattoi, che colpisce anche le dichiarazioni di Conte, che spesso vengono sconfessate dopo neanche un’ora.

Binelli si è invece soffermato sulla Plastic Tax, una tassa che vuole essere ambientalista anche se i dieci fiumi più inquinati nel mondo non sono in Italia. “La tassa verrà introdotta a luglio 2020 e non aiuterà la produzione di plastica italiana ma anzi servirà a favorire solamente altri paesi“, sostiene l’Onorevole prima di criticare la Sugar Tax, che comporterà nei fatti un aumento dei costi per l’acquisto di prodotti con lo zucchero, senza però diminuirne il consumo.

Nel corso dell’evento è intervenuto anche il Presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, che ha voluto ricordare tutte le misure fatte dalla Lega a livello provinciale per i trentini e che coinvolgono le famiglie, la lotta alla denatalità e l’accesso alle cure sanitarie. “Una serie di misure che sono venute a costare 28 milioni, ma era del resto quanto c’eravamo promessi in un certo periodo e a livello sociale” ha voluto ricordare Fugatti che ha concluso ricordando il lavoro fatto dagli Onorevoli eletti della Lega.

Spazio poi all’Onorevole Martina Loss che si è soffermata sul settore agricolo e su come la Plastic Tax possa dare problemi ad esso, già in difficoltà per via dell’ostracismo che il Governo Conte II sta applicando nei confronti del gasolio agricolo. “Noi – continua la Loss – abbiamo votato convintamente no al decreto fiscale. Tutte le associazioni di categoria hanno dato parere negativo a questo decreto e il governo non ha minimamente tenuto conto di ciò che l’impresa effettivamente vuole. Purtroppo è un decreto blindato da parte della maggioranza“.

Sutto ha poi ricordato che per esempio si deve dare importanza al ruolo fondamentale che hanno i nonni nella società, figure che devono essere aiutate e sostenuti nelle azioni che fanno a favore della crescita della società. Il Segretario della Lega Trentino Mirko Bisesti ha proceduto con le conclusioni: “La presenza di molte persone vuol dire che la gente ci tiene a informarsi, leggendo gli articoli fatti bene, non quelli demagogici, scritti da giornalisti che preferiscono dirottare invece che informare. Parlare di fatti e contenuti quotidiani, come nel caso dell’economia, è molto importante; ma è ancora più importante uscire da qui oggi e dare queste informazioni il più possibile a chi oggi non era qui“.