Micromobilità: da oggi i mono elettrici sono equiparati alle biciclette

Monopattini, monoruota, hoverboard e kart simili da oggi sono per legge liberi di circolare, ma devono sottostare alla regola delle biciclette. Micromobilità significa ricarica elettrica, Bluetooth, inquinamento inferiore, praticità, velocità e modernità. Ma anche un mezzo in più sulle strade, che ancora non ha alfabetizzato con gli altri veicoli, specialmente gli altri veicoli non sono avezzi ad avere “tra i piedi” la micromobilità.

La legge che regolamenta il traffico di questo genere di mezzi è inserita nella Manovra 2020 e quindi essendo il 1 gennaio entra in vigore adesso.

Si chiama Micromibilità come dicevamo, per cui le normative si trovano con questo riferimento, riguarda la categoria dei mezzi di cui sopra. Il precedente Ministro Guido Toninelli si era limitato in via sperimentale a delegare a capestri Regolamenti Comunali il settore, in alcune città, ad esempio Milano, era stata prodotta la segnaletica temporanea. Era ovvio che non poteva andare avanti così: un minimo di omogeneità sul territorio è indispensabile, trattandosi di leggi che riguardano tutta Italia.

Anche a Torino, a Bolzano, a Trento (come a Parigi) erano iniziate a fioccare multe, anche di 2/3 mila euro, chi perché sprovvisto di patentino ma con potenza superiore, chi perché in carreggiata, chi perché in marciapiede, chi perché in ciclabile, un bel problema che aveva avuto eco anche in Consiglio Comunale a Trento. Ma solo in via transitoria e senza chiare normative in merito.

Questi mezzi non potranno passare sul marciapiede, dovranno stare sulla ciclabile, come le biciclette, non potranno superare i 20 kmh che per regolamento peso dipendono anche dai 500 Watt, nonché dovranno essere omologati.

Dovranno rispondere alla sicurezza: lucine posteriori ed anteriori. Adesso quindi verranno equiparati alle biciclette con pedalata assistita, a cui si applicano le norme relative alle bici normali purché non superino i 25 km/h. Superata questa velocità e la potenza di 0,25 kw la bici viene considerata come ciclomotore e andrebbe quindi targata e assicurata. Per i monopattini il limite di potenza ripetiamo è di 500 Watt e quello di velocità di 20 km/h.

Per tutto il resto sono valide le regole del Codice della Strada.