Dopo l’esito positivo della sperimentazione, il Taser entra (finalmente) in dotazione

Si conclude oggi la più che positiva sperimentazione del taser da parte delle Forze dell’Ordine, in giornata infatti è attesa l’approvazione del Consiglio dei Ministri, seppur in via preliminare, della pistola ad impulsi elettrici che dovrebbe entrare ufficialmente tra le dotazioni di Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia.

L’utilizzo del taser, negli ultimi mesi, è stato testato, con risultati più che soddisfacenti, in dodici città italiane e ora si appresta a fare il suo grande ingresso tra le Forze dell’Ordine di tutta Italia.

La sperimentazione di questa particolare pistola ad impulsi elettrici era stata avviata lo scorso 5 settembre con lo scopo di aiutare le Forze di Polizia a svolgere meglio il loro lavoro. Classificato come non letale, il taser, ha difatti consentito agli agenti che lo hanno avuto in dotazione di poter lavorare con maggiore serenità avendo in dotazione un’arma non letale.

Uno dei grandi promotori di questa innovazione è stato senza ombra di dubbio il leader della Lega, Matteo Salvini, che ancora lo scorso settembre aveva twittato: “Per troppo tempo le nostre forze dell’ordine sono state abbandonate, è nostro dovere garantire loro i migliori strumenti per poter difendere in modo adeguato il popolo italiano”.