Esplosivo da cava disinnescato a Curon Venosta

Ieri pomeriggio i militari del Nucleo Artificieri ed Antisabotaggio del Reparto Operativo di Bolzano sono stati chiamati a disinnescare esplosivo da cava, probabilmente “residuati” di lavori di scavo, rinvenuti dai Carabinieri di Curon Venosta nei pressi di un deposito cantoniere sito in frazione Vallelunga di quel Comune.

L’intervento si è reso necessario in quanto in tarda mattinata il personale di servizio strade della Provincia di Bolzano ha avvertito i Carabinieri di Curon Venosta di aver rinvenuto 2 scatole contenenti 148 detonatori per esplosivo, 30 metri di miccia a lenta combustione e 2,2 kg di gelatina dinamite, tutto in pessimo stato di conservazione.

L’esplosivo da cava era stato abbandonato a bordo di un sentiero, ed in modo da non causare pericolo per le incolumità delle persone, e probabilmente con lo scopo di farlo trovare per la sua rimozione e smaltimento.

Le operazioni di disinnesco e messa in sicurezza sono durate per circa 2 ore, ove gli Artificieri hanno operato con rapidità e professionalità, cinturando la zona rendendola interdetta al pubblico, tra l’altro poco presente poiché un luogo di scarso passaggio, per il pomeriggio di ieri e per lo stretto tempo necessario alle operazioni.