“Spero che ti venga il virus come in Cina”: frase shock contro giocatore cinese

Ha dell’assurdo quanto successo nel milanese dove vi è stato un increscioso episodio di razzismo durante una partita di calcio dilettantistico. La vittima? Un giovane cinese dell’Asd Cesano Boscone Idrostar“Spero che ti venga il virus come in Cina”, gli avrebbe detto un rivale nel corso del primo match del girone primaverile dei giovanissimi 2006 contro l’Ausonia. Lo denuncia su Facebook il ragazzino, raccontando di essere uscito dal campo in lacrime.

“In tutto questo tempo che ho giocato con l’Idrostar non mi era mai capitato di ricevere insulti razziali – scrive il ragazzo, di 14 anni -. Siamo nel 2020 e ancora c’è gente che insulta le persone cinesi, le persone di colore…”.

E poi cita la frase: “‘Spero che ti venga il virus come ci sono nei mercati in Cina’. Dopo queste parole sono uscito in lacrime, lasciando i miei compagni sul campo. Mi scuso molto con i miei compagni”, scrive su Fb il piccolo atleta.

L’episodio, secondo quanto denunciato dalla società in un post, sarebbe avvenuto sabato, durante il match Cesano Boscone-Ausonia, prima partita del girone primaverile dei giovanissimi 2006.

A difesa del ragazzo il sindaco di Cesano Boscone: “Ripudiamo e combattiamo il razzismo…Con il nostro calciatore di origini cinesi – aggiunge il primo cittadino – è stato offeso tutto il nostro paese che è, senza nessuna titubanza, luogo di integrazione e fratellanza, anche attraverso lo sport. Ripudiamo il razzismo e combattiamo i razzisti”.