Referendum taglio dei parlamentari. +Europa si oppone

Su tutti spicca l’intervento di Piercamillo Falasca, vice segretario di +Europa che, attraverso il suo profilo Facebook, ha annunciato che voterà sicuramente “no” al referendum, aggiungendo come le riforme costituzionali vadano fatte seriamente, non seguendo i “mal di pancia” del Movimento 5 Stelle e dei suoi esponenti.

L’esponente di +Europa proseguendo nel post ha poi rincarato: “sono orgoglioso che a farlo sarà il partito di cui sono immeritatamente vicesegretario, Più Europa, che proverà con dati e argomenti fattuali a spiegare perché questa sarà l’ennesima truffa agli italiani. Non proveremo imbarazzo alcuno a spiegare perché non vogliamo ridurre il diritto di rappresentanza dei cittadini italiani, soprattutto di quelli residenti in aree di provincia e lontani dai grandi centri. Ci diranno che vogliamo i posti, i poltrone: non ne abbiamo, anzi crediamo che il voto di marzo sia una specie di ricatto agli attuali parlamentari per stare seduti fino all’ultimo giorno utile su quel seggio, indipendentemente dal merito della “riforma”.

Piercamillo Falasca, prima di concludere, ha poi chiarito come +Europa sia consapevole che probabilmente perderà, aggiungendo come ci proveranno lo stesso, ritenendo fondamentale mostrare a tutti la loro contrarietà ad un provvedimento che segnerà la fine della democrazia rappresentativa italiana