Fugatti: “Bisogna semplificare la Pubblica Amministrazione”

Il Presidente della Provincia Autonomia di Trento Maurizio Fugatti ha incontrato i rappresentanti delle categorie economiche e del Consorzio dei Comuni insieme all’Assessore alle Attività Economiche Achille Spinelli. Tema dell’incontro la semplificazione e la digitalizzazione dell’attività amministrativa.

Questo per noi è un tema importante e prioritario – ha detto Fugatti – e abbiamo bisogno della collaborazione e delle sollecitazioni delle categorie economiche. Noi abbiamo già messo in campo molte iniziative e siamo pronti a intervenire ulteriormente a livello normativo, ma senza il vostro aiuto non possiamo farlo in maniera veramente efficace“.

Considerata la vastità degli argomenti, possiamo dire di avere un cantiere aperto sulla semplificazione e la digitalizzazione quasi in ogni settore” afferma invece l’assessore Spinelli. “Stiamo approfondendo la legge provinciale sugli incentivi alle imprese, con l’intenzione di modificarla in questo anno con l’obiettivo di avere una ricaduta fiscale maggiore sul sistema trentino: noi viviamo di risorse tributarie e quindi dobbiamo massimizzare questa ricaduta in ogni livello“.

Il percorso di razionalizzazione sui controlli alle imprese è già partito. L’obiettivo generale, sul fronte della digitalizzazione, è quello di allineare banche dati dei vari soggetti e sfruttare una serie di sinergie che possano aumentare i tempi di risposta che la pubblica amministrazione è in grado di mettere in campo” conclude Spinelli.

Per quanto riguarda appalti e contratti, la Provincia annuncia che si sta lavorando per produrre un unito testo, che dovrebbe andare in Consiglio a giugno di quest’anno, mentre per quanto riguarda la trasparenza dei contratti pubblici è stata messa a disposizione delle amministrazioni un’unica piattaforma che raccoglie tutti i dati e le informazioni dei contratti provinciali, connessa con le banche dati nazionali.

La revisione delle modalità di erogazione e di fruizione dei servizi digitali sul sito istituzionale è in corso, nella logica della centralità dell’utente e cercando di omogenizzare gli strumenti di interazione con la pubblica amministrazione del territorio. Sono in atto inoltre attività mirate di comunicazione e diffusione presso i cittadini dell’identità digitale – SPID – e di ulteriori canali interattivi che si muoveranno direttamente via smartphone.