Incidenti e malori in montagna: cosa fare, quando chiamare il 112, il convegno SAT

Capita, soprattutto a chi va spesso in montagna come i satini, e magari è anche accompagnatore sezionale, di dover affrontare la caduta di un componete della gita, oppure un malore, un colpo di sole, una congestione, o evenienze anche più serie.

A quel punto bisogna essere in grado di riconoscere l’entità del danno causato dall’evento e soprattutto occorre sapere come intervenire e che cosa fare in quel lasso di tempo che di solito è brevissimo, ma a noi sembra interminabile, tra il malore, o l’infortunio e l’arrivo dei soccorsi.

Spesso occorre anche saper comunicare con calma e chiarezza a chi riceve una chiamata d’emergenza lo stato delle cose, rispondendo a domande precise che serviranno ad accelerare e a contestualizzare meglio un eventuale intervento.

Due medici rianimatori, il dottor Edoardo Geat e il dottor Andrea Busetti con esperienza di elisoccorso, componenti della Commissione Medica della SAT sede centrale presenteranno dunque martedì 4 febbraio alla Casa della SAT alle 20.30 (Sala della sezione di Trento- 1° piano) alcune istruzioni e suggerimenti su come affrontare un’emergenza medica, o traumatica in montagna e sulle modalità di chiamata del numero unico dell’emergenza.

Incontro a cura di Edoardo Geat e Andrea Busetti (Commissione Medica SAT) MARTEDI 4 FEBBRAIO- ore 20:30 presso la SAT – Sezione di Trento, via Manci 57 – Trento.

Verrà descritto come prestare un primo soccorso in attesa dell’elicottero. Inoltre saranno fornite indicazioni specifiche su situazioni particolari come il mal di montagna e le lesioni da freddo e da calore, quali particolarità presentano gli anziani, le donne e i bambini, le persone affette da patologie, in primis la cardiopatia coronarica cronica.