Servizi Sociali, il Consiglio boccia la mozione di Futura

Durante la seduta del Consiglio provinciale abbiamo presentato una mozione che chiedeva un’ultima tornata di confronto prima di adottare le linee guida per l’affidamento dei servizi socio assistenziali. La proposta è stata respinta stamattina dalla maggioranza politica in Consiglio provinciale, con i soli voti favorevoli di una parte del Patt e il M5S che ringraziamo per il sostegno anche alla luce del successivo incontro, in una saletta del Consiglio provinciale, con una sessantina di rappresentanti degli operatori del sociale, di un coordinamento che sta raccogliendo sempre nuove adesioni in questi giorni.

Gli operatori, oltre a sollevare un paio di questioni tecniche riguardanti il personale non laureato, hanno posto un problema politico alla giunta provinciale, invitata all’incontro ma assente: “Vogliamo capire se la Giunta sta facendo tutti gli sforzi possibili per evitare che il Sociale trentino finisca con l’essere oggetto di appalto. Per evitare che gli operatori sociali facciano la fine di quelli delle pulizie. Per evitare che bambini, disabili, adulti in difficoltà, malati psichici, anziani non autosufficienti subiscano le conseguenze dell’applicazione delle logiche di mercato ai servizi che si occupano di loro”.

Come ha concluso Milena Berlanda, nell’incontro: “La logica dell’appalto non funziona per i nostri servizi; noi costruiamo relazioni, non siamo erogatori di servizi; noi mobilitiamo migliaia di volontari, noi costiamo poco rispetto al carcere e all’ospedale. Non abbiamo paura del cambiamento, non abbiamo paura a metterci in discussione…”.

Peccato che la maggioranza abbia respinto una mozione che chiedeva non un rinvio indefinito, ma un’ultima occasione di miglioramento costruttivo e mirato delle linee guida già messe in discussione dal parere del Consiglio di Stato del dicembre 2019, non prese in considerazione dalle LG provinciali. E’ quanto hanno scritto in una nota alla stampa Lucia Coppola e Paolo Ghezzi del gruppo consigliare Futura.