Cina: creata App per monitorare i contagi da Coronavirus

Close contact detector”: QUI IL COMUNICATO questo il nome della nuova app che consente agli utenti e alle persone di verificare se sono entrati in contatto con persone contagiate dal nuovo Coronavirus.

In Cina per scaricare la app è sufficiente scansionare un codice QR utilizzando app molto popolari come Alipay, WeChat e QQ. L’uso di queste tecnologie, per noi ancora in parte inusuali, è invece molto praticato in Cina, dal ristorante alla metro, dai tram ai supermercati, la vita di un cinese è smartphone integrata, la robotica è quotidianità nelle metropoli.

Gli utenti identificati come a rischio riceveranno l’avviso di stare in casa e di informare le autorità sanitarie locali. E questo fatto sta già creando qualche problema, specialmente di stigma sociale, dicono gli antropologi interrogati sul da farsi.

E’ possibile identificare le persone che lavorano insieme o vivono nella stessa casa; gli studenti che frequentano la stessa classe; personale medico; familiari o altre persone che sono state in stretto contatto con i pazienti in un ambiente chiuso e altri pazienti nella stessa stanza; nonché passeggeri e membri dell’equipaggio che si trovavano nella stessa struttura di trasporto con pazienti (casi confermati e sospetti) e casi infetti (casi lievi e casi asintomatici). Questo fast tracking quindi coordina le persone in modo quasi meccanico.

Non solo droni: la nuova piattaforma è stata lanciata dal Consiglio di Stato insieme con la Commissione Nazionale per la Sanità e il China Electronics Technology Group Corporation.

La motivazione, chiaramente, è che il contagio 1/3 del Coronavirus non consente errori nella prevenzione, ogni errore costa una vita umana, ad oggi (MC).