Renzi: “O Conte accetta le nostre idee, o faremo un passo indietro”

Non è una novità che Matteo Renzi e Giuseppe Conte abbiano avuto qualche divergenza di vedute che negli ultimi giorni si siano attaccati pubblicamente, senza esclusione di colpi. Oggi però il leader di Italia Viva ha esternato un vero e proprio ultimatum.

Sul suo profilo Facebook, infatti, l’ex-Presidente del Consiglio ha dichiarato quanto segue: “Ho chiesto un incontro al Premier, ho fatto io il primo passo, vincendo l’orgoglio personale, perché la serietà viene prima delle ripicche personali. Ho chiesto di vederlo perché voglio che la partita si giochi in modo trasparente e diretto e ho molto apprezzato il fatto che il Premier abbia comunicato di volersi poi recare in Parlamento per proporre l’Agenda del 2023“.

Ripeto ciò che dico da giorni – continua Renzi – ovvero che l’Italia vive una fase di difficoltà che nei prossimi mesi potrebbe peggiorare. Occorre una svolta. Noi non chiediamo nomine o sottosegretari, ma chiediamo che ascoltino le nostre idee. Sblocchiamo i cantieri fermati dalla burocrazia, eliminiamo il Reddito di Cittadinanza, lavoriamo per una Giustizia Giusta contro il populismo giustizialista, cambiamo le regole per eleggere il Sindaco d’Italia dando cinque anni di stabilità al Paese“.

Dopo il suo programma di Riforme, Renzi passa alla proposta finale a Conte: “Se Conte riterrà che su queste cose si possa trovare un compromesso, noi ci saremo. Se deciderà invece di respingere le nostre idee, senza polemiche faremo un passo indietro, magari a beneficio dei cosiddetti responsabili“. “Dentro o fuori non è una questione di tattica, ma di contenuti. Se siamo d’accordo, si sta dentro. Se siamo lontani, è giusto che governino altri. Noi facciamo politica, non populismo” conclude il leader di Italia Viva.