Austria: stop ai treni al Brennero revocato!

Riprende il collegamento diretto via treno con l’Austria fino ad aggiornamenti. Il fatto era partito da un probabile caso di malattia influenzale. Revocato il blocco.

AdnKronos in seconda serata aveva comunicato quanto accaduto: “Treno italiano bloccato al Brennero, dopo che il capotreno ha segnalato al collega austriaco due casi sospetti a bordo: due donne tedesche che sono state fatte scendere a Verona, dove sono già state sottoposte alle prime analisi. Al momento sembra escluso che possano aver contratto il coronavirus, ma l’Austria ha deciso comunque di non fare entrare l’Eurocity e bloccarlo alla frontiera.”

La conferma. Due ore fa secondo le autorita’ si e’ deciso di concertare la gestione dei contatti e dei collegamenti. Non solo Eurocity ma anche compagnie straniere. Il problema resta in discussione fino a stabilire la prima necessita’ del servizio garantito nelle prossime ore. Le ore notturne prevedono gia’ il traffico limitato. Come si vede in fermoimmagine.

La revoca del blocco: le ferrovie si scusano per il disagio ma se i viaggiatori intendono cedere i biglietti possono farlo gratuitamente. Questo quanto comunicato dopo le 23.30 valido da subito per il giorno 24.02 e seguenti.

“Prendiamo molto seriamente lo sviluppo della situazione in Italia”, ha sottolineato, a quanto riporta il Kronen Zeitung, il ministro austriaco della Salute, il Verde Rudolf Anschober.

Le prenotazioni ora sono possibili per le linee non interessate dal blocco odierno da e per l’estero.

Trenitalia per la giornata di domani non segnala alcuna cancellazione e OeBB consente le prenotazioni per l’Austria.

Nelle prime ore di domani saranno chiariti i termini della ripresa del servizio, non si prevede nessuna cancellazione. Hanno dichiarato le autorita’ austriache.

OeBB e la comunicazione via web del blocco di una linea

TRENITALIA E VIAGGI NEL PERIODO EPIDEMIOLOGICO: il comunicato.

Il Gruppo FS Italiane, in ottemperanza alle misure approvate (sabato 22 febbraio 2020) dal Consiglio dei Ministri con il Decreto legge in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019, ha attivato procedure particolari per garantire la gestione di situazioni riconducibili a possibili casi di COVID-2019 a bordo sia dei treni a media e lunga percorrenza (Frecce, InterCity, InterCity Notte) sia dei treni regionali a favore della massima sicurezza delle persone in viaggio e del personale di prima linea delle Società operative.

In particolare, Trenitalia ha diffuso un protocollo al personale a contatto con i viaggiatori e ha disposto:

  • l’installazione a bordo treno di dispenser di disinfettante per mani;
  • la consegna al personale di apposito equipaggiamento protettivo (mascherine con filtro, guanti monouso);
  • il potenziamento delle attività di pulizia disinfettanti a bordo dei treni della flotta di Trenitalia (Frecce, InterCityInterCity Notte e regionali);
  • la diffusione del vademecum del Ministero della Salute attraverso pieghevoli illustrativi e sui monitor dei treni regionali e delle Frecce; laddove non sono presenti monitor la diffusione a bordo treno di annunci ai passeggeri;
  • la comunicazione ai viaggiatori, attraverso i canali informativi e i sistemi di vendita di Trenitalia, della cancellazione a tutti i treni della fermata nelle stazioni di Codogno e Casalpusterlengo così come predisposto dalle Autorità competenti;
  • la definizione, in corso, di termini e modalità del rimborso in bonus per chi rinuncia al viaggio per tutte le tipologie di biglietto acquistate.

Il Gruppo FS Italiane, per ridurre al minimo la probabilità di esposizione al contagio, oltre a consigliare il proprio personale, come ottimale procedura comportamentale, di consultare un medico e rimanere a casa se affetti da sintomi influenzali ha diramato, in via precauzionale e fino al permanere dello stato di emergenza sanitaria, disposizioni particolari e di dettaglio al personale dipendente.