Molinari (Lega): “Conte vittima dello stress, sembra fascista”

L’emergenza Coronavirus sta tenendo banco anche per quanto riguarda la polemica politica. Le dichiarazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha accusato un Ospedale della Lombardia di non aver seguito gli opportuni protocolli non è rimasta inascoltata dalle opposizioni.

In particolare, la richiesta di Conte di “depotenziare” le Regioni in materia sanitaria, per centralizzare la gestione dell’emergenza, non è stata molto apprezzata. “Sarà meglio che il Presidente del Consiglio di riposi un po’. Troppo stress gli fa dire cose cose inconcepibili, forse quasi da fascista, direi” sostiene infatti Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera.

Non è pensabile che si tolgano competenze alle regioni. Siamo per l’autonomia e per la libertà. Pensare di tornare all’anno zero, ai pieni poteri con l’alibi della crisi non è una strada percorribile” continua Molinari. “Conte se ne faccia una ragione. Se non gli sta bene, può sempre dimettersi, che sarebbe la cosa migliore per tutto il Paese” conclude.